• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI GENK-SASSUOLO

PAGELLE E TABELLINO DI GENK-SASSUOLO

Ndidi corre dappertutto, Politano è l'ultimo a mollare. Troppe le assenze per la squadra di Di Francesco


Bailey ©Getty Images
Valerio Pantone

29/09/2016 22:36

ECCO LE PAGELLE DI GENK-SASSUOLO

 

GENK

Bizot 6 – Inoperoso per lunghi tratti del match, viene sorpreso soltanto dal tiro di Politano deviato in maniera decisive da Ndidi.

Walsh 6 – Ci mette un pò nel trovare le giuste contromisure a Ricci. Rischia molto nel finale di primo tempo con un retropassaggio sul quale per poco non ne approfitta Defrel.

Brabec 6,5 – Quasi a uomo su Defrel, tiene a bada il centravanti del Sassuolo senza troppo affanno.

Colley 7 – Molto attento nell’intercettare i fraseggi corti degli avanti neroverdi, vince tutti i contrasti garantendo affidabilità a tutto il reparto.

Nastic 6 – Bloccato nei quattro dietro, va un po’ in difficoltà quando Politano si accentra per liberare il sinistro.  

Pozuelo 7 – L’ex talentino spagnolo del Betis è un po’ lo spauracchio numero uno per i ragazzi di Di Francesco. La conferma arriva all’ottavo quando un suo tocco vellutato regala a Karelis il gol dell’1-0. Dotato di una spiccata visione di gioco, offre un altro assist niente male per il terzo gol di Buffel.

Ndidi 7,5 – Tanti i palloni preziosi conquistati in mezzo al campo, fa sempre la cosa giusta. Onnipresente in tutti i ripieghi difensivi. Corre talmente tanto che non fa in tempo a togliere il piede sulla conclusione di Politano che beffa Bizot. Migliore in campo.

Susic 6 – Sua la conclusione dalla quale nasce il raddoppio di Bailey. Prova ad inventare con il suo mancino educato, ma non sempre gli riesce la giocata di fino. Dall’82’ Kumordzi s.v.

Bailey 7,5 – Abile ad approfittare della corta respinta di Consigli e a firmare così il suo terzo centro in questa Europa League. La rete gli dà fiducia e così mette alle corde Peluso che fatica a fermarlo.

Karelis 7 – L’ex attaccante del Panathinaikos risponde subito presente all’appuntamento con il gol sul tocco intelligente di Pozuelo. Prima dell’intervallo sfiora la doppietta personale con un sinistro carico d’effetto che lambisce il palo. Dal 75’ Samatta 6 – Tenuto a riposo in vista del campionato, tenta un paio di ripartenze che però non hanno esito positivo.

Buffel 6,5 – Si alterna con Susic sull’out sinistro, costringendo Lirola alla fase difensiva. Si affida all’esperienza il capitano del Genk che è abile a far salire la squadra nei momenti più difficili del match. Trova il 3-0 dopo l’ennesimo tocco geniale di Pozuelo. Dall’87’ Trossard s.v.

All. Maes 7 – Squadra molto quadrata che a differenza dell’Athletic affronta il Sassuolo quasi ad aspettarlo e a colpirlo in contropiede. Tattica che viene premiata anche da una condizione fisica apparsa superiore rispetto a quella dei ragazzi di Di Francesco.

                                 


SASSUOLO

Consigli 6 – Esente da colpe sul vantaggio di Karelis, ha qualche responsabilità in più sul raddoppio di Bailey, dove non respinge in maniera impeccabile il tiro violento di Susic. Nel secondo tempo chiude bene lo specchio della porta ancora a Bailey evitando il 3-0. Chiude la serata deviando sul palo, il tiro a botta sicura di Trossard.

Lirola 5 – Non parte bene anche perché il Genk prova a sfondare molto sulla sua fascia di competenza. Le cose migliori le combina in fase offensiva, ma appena si distrae un attimo Buffel lo punisce con un uno-due stretto con Pozuelo.  

Letschert 5,5 – Non perfetto nel posizionamento sul gol del vantaggio belga, dimostra di essere un po’ adattato nel ruolo di centrale. Esce fuori alla distanza, facendo comunque la sua parte.

Acerbi 5,5 – In ritardo nella marcatura su Karelis, prova a guidare il pacchetto arretrato di Di Francesco ma non è semplice, sia per la tenacia degli avversari, sia per le tante defezioni.

Peluso 5 – Serata complicata per l’ex juventino che fatica a contenere l’esuberanza di Bailey. Si muove tardi in copertura sulla rete del giamacaino, poi però lo limita in qualche modo anche perché il Genk abbassa il ritmo.

Biondini 5 – Ha sul piede la prima grande chance per pareggiare i conti, ma il suo tiro si perde sul fondo. Uno dei più esperti dei neroverdi, sbaglia troppi passaggi in avvio di manovra. Dal 59’ Ragusa 5,5 – Un po’ di vivacità sembra darla, ma non trova mai la giocata giusta per impensierire il Genk.

Magnanelli 5 – Appare stanco ed avrebbe mille motivi, considerato le tante gare disputate praticamente da agosto. Molto pressato dai centrocampisti del Genk, non garantisce il solito schermo davanti alla difesa.

Pellegrini 5,5 – Il campo pesante e il pressing asfissiante dei padroni di casa lo mettono un po’ in ombra. Decisamente meglio ad inizio ripresa dove forse si guadagna un rigore che però l’arbitro non ravvisa. Poi però torna nell’ombra, peccando di personalità. Dal 66’ Mazzitelli 5,5 – Meglio nel palleggio rispetto all’altro ex romanista. Fatica però anche lui a trovare il varco giusto.

Ricci 5 – Uno dei più intraprendenti sin dalle prime battute, finisce un po’ per perdersi con il trascorrere dei minuti. Dal 79’ Caputo s.v.

Defrel 5,5 – Si avventa sui pochi palloni vaganti che lasciano i difensori avversari, ma gli manca il guizzo vincente per far male.

Politano 6 – Si accende a sprazzi, ovvero appena il Genk gli riesce a concedere un po’ di spazio per muoversi. Nella ripresa trova il modo, grazie anche alla deviazione di Ndidi, di riaprire la gara. L’ultimo a mollare.

All. Di Francesco 6 – Non poteva di chiedere di più questa sera. Troppo le assenze che lo hanno costretto anche a schierare giocatori in debito d’ossigeno. I suoi ragazzi provano a giocarsela e nonostante il risultato pesante tentano il tutto per tutto fino all’ultimo. La qualificazione, comunque, è ancora tutta da decidere.


Arbitro: Liran Liany 5,5 – Proteste del Sassuolo su un fallo laterale, dopo il quale scaturisce il raddoppio del Genk. Ad inizio ripresa, decisione difficile per un fallo fischiato ai danni di Pellegrini: il contatto dal replay sembra avvenire dentro. L’arbitro assegna la punizione dal limite, ma poteva starci il rigore.


TABELLINO

GENK-SASSUOLO 3-1

Genk (4-3-3): Bizot; Walsh, Brabec, Colley, Nastić; Pozuelo, Ndidi, Sušić (dall’82’ Kumordzi); Bailey, Karelis (dal 75’ Samatta), Buffel (dall’87’ Trossard). A disp.: Jackers, Dewaest, Heynen, Castagne. All.: Maes.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Letschert, Acerbi, Peluso; Biondini (dal 59’ Ragusa), Magnanelli, Pellegrini (dal 66’ Mazzitelli); Ricci (dal 79’ Caputo), Defrel, Politano. A disp.: Pomini, Pegolo, Franchini, Adjapong. All.: Di Francesco.

Arbitro: Liran Liany (ISR)

Marcatori: 8' Karelis (G), 25’ Bailey (G), 61’ Buffel (G), 65’ Politano (S)

Ammoniti: 35' Peluso (S), 67’ Karelis (G), 86’ Politano (S)

Espulsi: ---




Commenta con Facebook