• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-BENFICA

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-BENFICA

Mertens, strepitoso, fa impazzire il San Paolo. Julio Cesar è un disastro


Mertens ©Getty Images
Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

28/09/2016 22:39

ECCO LE PAGELLE DI NAPOLI-BENFICA:

 

NAPOLI

Reina 6,5 – Salva alla grande su Mitroglou al 9’, distendendosi e respingendo il tiro ravvicinato della punta lusitana. La sua è una parata importantissima a livello psicologico, perché avviene quando ancora la partita è inchiodata sullo 0-0. Non può nulla su Guedes, che è molto bravo a saltarlo e mandare in rete, così come su Salvio. Alla fine si segnala un’uscita a vuoto pericolosa.

Hysaj 7 – Gioca con una personalità disarmante a tratti. Si spinge molto in avanti chiedendo frequenti triangolazioni ai compagni. Ottimo anche in fase di copertura, dalle sue parti non si passa.

Albiol s.v. – Dall’11’ Maksimovic 6,5 – Entra al posto di uno sfortunato Albiol dopo soli dieci minuti di gioco e non fa rimpiangere l’improvvisa assenza dello spagnolo. Sempre attento, chiude bene tutti gli spazi.

Koulibaly 6 – Un po’ in ritardo su Mitroglou al 9’, però a sua discolpa c’è anche l’infortunio di Albiol che condiziona la giocata. Per il resto gara tranquilla e di ordinaria amministrazione.

Ghoulam 6 – Assist da capogiro per Milik al primo pallone toccato, da 50 metri. Il piede è caldo, e lo dimostra al 20’ quando da corner mette sulla testa di Hamsik il pallone che sblocca la gara. Si perde Salvio però in occasione del secondo gol lusitano, e Sarri scatena l’inferno.

Allan 6,5 – Motorino tuttofare del centrocampo, corre molto come al solito recuperando palla e appoggiando per i compagni. Ci prova anche da fuori in una circostanza ma la mira è sballata.

Jorginho 5,5 – Peccato per l’erroraccio che macchia una gara che altrimenti sarebbe stata perfetta. Manda in porta Guedes con un retropassaggio azzardato, e la punta del Benfica non lo perdona. 

Hamsik 7 – Insacca di cresta al 20’ per il vantaggio partenopeo, anticipando sul primo palo la retroguardia lusitana. A centrocampo cura la fase di impostazione come se fosse un regista d’autore, e i lusitani non riescono a bloccare le sue aperture.

Callejon 6,5 – Non troppo partecipe alla manovra nei primi minuti della prima frazione. Nel secondo tempo invece si lascia andare, guadagnandosi il rigore del tris firmato da Milik. Bene in fase di sacrificio con l’aiuto ai centrocampisti, esce esausto. Dal 69’ Insigne 6 – Una buona giocata in particolare generata dall’out di destra con pallone mezzo in messo per Milik, che però viene anticipato.

Milik 6,5 – Pronti via, calcia di punta a tu per tu col portiere al primo affondo di gara, ma il tiro è fiacco per via del recupero del difensore centrale. Nel secondo tempo realizza il rigore che vale il tris con grande freddezza, ma si divora il quinto gol della serata da ottima posizione.

Mertens 8 – Si guadagna la punizione dal limite che poi pennella al di sopra della barriera portoghese per il raddoppio del Napoli. Quando accelera palla al piede sa essere devastante, ed il calcio di punizione che sigla se lo guadagna proprio così. Firma il poker approfittando dell’ennesimo disastro di Julio Cesar. Dall’82’ Giaccherini s.v.

All. Sarri 6,5 – La prepara bene, e lo si vede dal gioco e dalla convinzione che i suoi ragazzi mettono in campo. Riescono perfettamente le verticalizzazioni, e la squadra prova sin dai primi secondi lanci lunghi per le punte a sorprendere i centrali lusitani. Però in difesa qualcosa non va, e sul finale si verificano alcuni black-out su cui lavorare tanto.  

 

BENFICA

Julio Cesar 4 – Una serata da incubo che per alcuni tratti non sembra conoscere fine. Colpe pesanti sul raddoppio di Mertens, quando rimane fermo sul calcio di punizione firmato dal belga. Pochi minuti dopo atterra Callejon in area per il tris dal dischetto realizzato da Milik, e al 57’ completa l’opera con l’uscita a vuoto che regala il poker agli azzurri. E pensare che Milik si divora la cinquina.

Andrè Almeida 5,5 – Serataccia per tutto il reparto, compresi i terzini. Non si affaccia mai in avanti, intimorito dalle sortite offensive dei giocatori partenopei. Guadagna mezzo voto per il lancio nel finale che libera la strada a Salvio.

Lopez 5,5 – Fra i meno peggio dei suoi, fino a quando il risultato non prende il largo. Limita Milik tutto sommato, ma poi naufraga inevitabilmente.

Lindelof 5 – Si perde Milik al primo affondo azzurro, anche se recupera in scivolata disturbandolo al momento della conclusione. Poi è il festival dei treni che sfrecciano anche per lui. Mertens lo manda in bambola.

Grimaldo 6 – Grande incursione al 10’ che genera un cross basso perfetto per Mitroglou, con quest’ultimo che però si fa parare il tiro da Reina. Pochi minuti dopo compie una strepitosa diagonale su Callejon. Non male il terzino a disposizione di Vitoria, nonostante la debaclè.

Nelsinho 5 – Davvero nullo sulla fascia, mentre in un 4-4-2 il Benfica avrebbe avuto bisogno come il pane delle sue incursioni.

Fejsa 5 – In mezzo al campo non arpiona un pallone, ed Hamsik fa ciò che vuole in impostazione, concedendosi anche qualche errore ogni tanto. Può solo correre a vuoto. Dall’82’ Gomes s.v.

Andrè Horta 5 – Anche lui in disperato affanno, specialmente nel secondo tempo. Dal 56’ Salvio 6 – Sfrutta bene un lancio dalle retrovie fulminando Goulham sullo scatto e Reina in uscita per il 4-2.

Pizzi 5 – Anche lui male sulla fascia. Non spinge e non prova mai a fare male a Ghoulam, che di fatto fa quello che vuole.

Carrillo 4,5 – Praticamente non tocca alcun pallone interessante. Si eclissa fra i centrali del Napoli. Già ammonito, Vitoria lo sostituisce pensando al proseguo della manifestazione. Dal 66’ Guedes 6,5 – Bravissimo ad approfittare di un clamoroso errore di Jorginho, saltando Reina molto bene ed infilando gli azzurri per il primo dei due gol del Benfica.

Mitroglou 5 – Errore clamoroso sullo 0-0 nei primi minuti del primo tempo, con il gol avrebbe potuto indirizzare la gara in direzione di un finale diverso. E invece Reina lo ipnotizza.

All. Vitoria 5 – Alla fine riesce a fare due gol al Napoli, ma il merito è semplicemente della difesa azzurra che concede al Benfica di rianimare un po’ il finale. Le fasce non funzionano, ed è grave considerando il modulo 4-4-2.

 

Arbitro: Brych 6 – Mertens vorrebbe il rigore anziché il calcio di punizione dal limite quando viene atterrato da Lopez. Ma lui vede bene, la trattenuta è al di fuori dell’area.

 

TABELLINO

Napoli-Benfica 4-2

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol (dall’11’ Maksimovic), Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon (dal 69’Insigne), Milik, Mertens (dall’82’ Giaccherini). A disp.: Maggio, Sepe, Zielinski, Gabbiadini. All. Sarri.

Benfica (4-4-2): Julio Cesar; Andrè Almeida, Lopez, Lindelof, Grimaldo; Nelsinho, Fejsa (dall’82’ Gomes), Andrè Horta (dal 56’ Salvio), Pizzi; Carrillo (dal 66’ Guedes), Mitroglou. A disp.: Luisao, Celis, Moraes, Cervi. All. Vitoria.

Marcatori: 19’ Hamsik (N), 51’ Mertens (N), 54’ Milik (N), 57’ Mertens (N), 70’ Guedes (B), 86’ Salvio (B)

Arbitro: Brych Dr. Felix (DEU)

Ammoniti: 50’ Lopez (B), 53’ Julio Cesar (B), 65’ Carrillo (B), 87’ Reina (N)

Espulsi: 




Commenta con Facebook