• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, i Paesi più in salute del mondo: Italia 20esima

Benessere, i Paesi più in salute del mondo: Italia 20esima

Il podio è formato da Islanda, Singapore e Svezia, in fondo alla classifica Repubblica centrafricana, la Somalia e il Sud Sudan


Famiglia e benessere (Getty Images)

27/09/2016 17:23

BENESSERE I PAESI PIU’ IN SALUTE DEL MONDO ITALIA 20ESIMA / ROMA - Benessere è sinonimo di Paesi scandinavi.  Nella classifica dei 188 Paesi più “in salute” del mondo al primo posto c’è Islanda, seguita da Singapore e Svezia. L’Italia invece si piazza in 20esima posizione, dopo la Svizzera e prima del Brunei. In fondo alla lista ci sono la Repubblica centrafricana, la Somalia e il Sud Sudan. Sorpresa al posto 28 dove ci sono gli Stati Uniti, paese con la più grande economia al mondo, che evidentemente risente delle diseguaglianze sanitarie tra i diversi Stati.

I paesi europei nelle prime 30 posizioni sono 22 e 18 di questi sono anche membri dell'Unione Europea. A livello mondiale è evidente anche l'influenza dei 5 anni di guerra civile su Libia e Siria, rispettivamente al 126esimo e 117esimo posto.

LA RICERCA - I risultati dello studio, pubblicati dalla rivista 'The Lancet', sono basati sull'analisi degli obiettivi di sviluppo sostenibile per la salute delle Nazioni Unite e sono state elaborate da esperti indipendenti della University of Washington di Seattle (Usa). I ricercatori hanno misurato sia gli aspetti più ovvi come povertà, acqua potabile, educazione, che quelli meno come le ineguaglianze della società e l’innovazione dell’industria.

I RISULTATI - Annunciati nel 2015, i 17 'universal goal'-obiettivi dell'Onu mirano a migliorare una serie di aspetti, fra cui quelli alcuni legati alla salute della popolazioni come tasso di obesità o di infezioni, mortalità infantile sotto i 5 anni o incidenza dei suicidi. E secondo le osservazioni dei ricercatori, i Paesi ai primi posti della classifica hanno già, in parte o del tutto, raggiunto molti degli obiettivi. Più di tre quinti dei Paesi hanno già raggiunto gli obiettivi relativi alla riduzione della mortalità materna e infantile. Meno di un quinto dei 188 Paesi ha raggiuto l'accesso universale all'acqua potabile e ai servizi igienici. Piccoli miglioramenti sono invece stati raggiunti nell'incidenza dell'epatite B, mentre gli indicatori di obesità infantile e consumo di alcol sono peggiorati, sempre in media. Nessuno ha eliminato del tutto malattie infettive come la tubercolosi e l'Hiv. "E visti questi risultati, raggiunti nel corso degli ultimi 25 anni, l'obiettivo di cancellare queste patologie nei prossimi 15 anni è altamente irrealistico" avverte lo studio.

Il Professor Stephen Lin dell'Università di Washington ha annunciato che questa classifica sarà aggiornata ogni anni nei prossimi 15 anni.

I Paesi più “in salute” del mondo:

1 Iceland
2 Singapore
3 Sweden
4 Andorra
5 UK
6 Finland
7 Spain
8 Netherlands
9 Canada
10 Australia
11 Norway
12 Luxembourg
13 Ireland
14 Malta
15 Germany
16 Denmark
17 Cyprus
18 Belgium
19 Switzerland
20 Italy
21 Brunei
22 Portugal
23 Israel
24 France
25 Slovenia
26 Greece
27 Japan
28 USA
29 Estonia
30 New Zealand
31 Austria
32 Taiwan (province of China)
33 Antigua and Barbuda
34 Czech Republic
35 South Korea
36 Hungary
37 Slovakia
38 Uruguay
39 Poland
40 Seychelles
41 Barbados
42 Croatia
43 The Bahamas
44 Jordan
45 Latvia
46 Malaysia
47 Lithuania
48 Mauritius
49 Dominica
50 Saint Lucia
[…]
170 Angola
171 Cameroon
172 Burkina Faso
173 Uganda
174 Ethiopia
175 Guinea
176 Guinea-Bissau
177 Mozambique
178 Madagascar
179 Sierra Leone
180 Afghanistan
181 Mali
182 Burundi
183 Democratic Republic of the Congo
184 Chad
185 Niger
186 South Sudan
187 Somalia
188 Central African Republic

S.C.




Commenta con Facebook