• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > LA MOVIOLA DI CM.IT: Netto il mani di Zampano, Tomovic stende Luiz Adriano

LA MOVIOLA DI CM.IT: Netto il mani di Zampano, Tomovic stende Luiz Adriano

Irrati non vede il fallo commesso dal difensore del Pescara. Orsato nega una punizione al Milan nel finale


Daniele Orsato ©Getty Images
Emiliano Forte

26/09/2016 07:45

MOVIOLA, ZAMPANO LUIZ ADRIANO / MILANO – In un week end tutto sommato positivo per i nostri fischietti, le uniche note stonate arrivano dalle sfide Genoa-Pescara e Fiorentina-Milan, dove alcune decisioni di Irrati e Orsato hanno scatenato vivaci proteste. A Marassi ha fatto molto discutere il rigore non concesso ai padroni di casa dopo il mani di Zampano mentre al Franchi il contatto falloso tra Tomovic e Luiz Adriano viene colpevolmente ignorato dal direttore di gara.

PALERMO-JUVENTUS 0-1, arbitro Valeri 7Gara ruvida fin dalle prime battute, con il direttore di gara che non si intimorisce ed estrae 4 gialli in 20 minuti. Provvedimenti condivisibili che hanno contribuito a mantenere i nervi saldi in campo. Nella ripresa viene giustamente annullata per offside una rete a Mandzukic; il croato si trova oltre la linea dei difensori al momento dell'assist.

NAPOLI-CHIEVO 2-0, arbitro Di Bello 6Nel corso del minuto 73 è chiamato a prendere una decisione non facile in seguito al contatto in area partenopea tra Floro Flores e Koulibaly. Nell'azione, l'attaccante del Chievo, scattato da posizione regolare, sterza per evitare Reina prima di impattare con il centrale del Napoli, che sfrutta il fisico senza accennare l'intervento sull'avversario. Floro Flores si sbilancia e cade perdendo il tempo per battere a rete; episodio complicato ma Di Bello fa bene a non concedere il penalty.

TORINO-ROMA 3-1, arbitro Tagliavento 6Due i calci di rigore concessi dal fischietto di Terni nel corso della gara ed in entrambi i casi la decisione si è rivelata corretta. Il primo penalty viene concesso ad inizio ripresa per l'intervento di Bruno Peres che, puntato in area da Belotti, sgambetta l'avversario. Passano pochi minuti e nell'area opposta il difensore del Torino De Silvestri ingaggia un duello con Perotti colpendolo alla gamba. Il fallo è meno evidente ma il tocco c'è e Tagliavento fa bene a sanzionarlo.

SASSUOLO-UDINESE 1-0, arbitro Doveri 6In pieno recupero Heurtaux trova il gol ma Doveri annulla per un fallo di Perica su Peluso. Nell'azione, l'attaccante croato dell'Udinese spinge Peluso prima di servire con un colpo di testa l'assist vincente al compagno. Corretta quindi la decisione del direttore di gara di annullare la rete del possibile pareggio friulano.

LAZIO-EMPOLI 2-0, arbitro Fabbri 6,5In un match privo di episodi contestati l'arbitro di Ravenna si disimpegna bene assicurando uniformità di giudizio fino al triplice fischio.

GENOA-PESCARA 1-1, arbitro Irrati 4,5E' il 12esimo minuto quando Ocampos da distanza ravvicinata calcia verso la porta; Bizzarri è superato ma non Zampano che respinge con un braccio proprio sulla linea. L'arbitro di porta non vede il tocco irregolare così come Irrati che lascia correre tra le proteste (giustificate) dei rossoblu. Si tratta di una svista grave; il mani di Zampano andava sanzionato con un tiro dal dischetto ed il cartellino rosso. Il Genoa chiude il match in 9 uomini per il doppio giallo rimediato da Edenilson e per il rosso diretto mostrato a Pandev per proteste reiterate. Mentre le due ammonizioni di Edenilson sono condivisibili, il 'caso' Pandev merita un'analisi più dettagliata: il macedone infatti, pur meritando una sanzione per l'atteggiamento nei confronti dell'arbitro, nell'azione incriminata subisce chiaramente fallo da parte di Benali, con Irrati che avrebbe dovuto assegnare un calcio di punizione al Genoa. Invece il gioco prosegue e l'attaccante rossoblu protesta fino a guadagnare anzitempo gli spogliatoi. 

INTER-BOLOGNA 1-1, arbitro Celi 6 – Due contatti sospetti da analizzare, entrambi in area rossoblu: il primo vede protagonisti Icardi e Gastaldello impegnati in un corpo a corpo sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Dalle immagini non sembrano esserci gli estremi per la massima punizione; fa bene Celi a lasciar correre. Nel secondo episodio l'Inter chiede il rigore per un mani in area di Torosidis che in scivolata intercetta un cross di Candreva. Anche in questo caso l'arbitro non interviene e fa bene.

FIORENTINA-MILAN 0-0, arbitro Orsato 5 Dopo 15 minuti di gioco, contatto sospetto in area rossonera tra Kalinic e Paletta: per Orsato è tutto regolare anche se la trattenuta del difensore del Milan lascia più di qualche dubbio. Trascorrono pochi minuti e Calabria afferra Borja Valero in area che cade senza fare troppi complimenti: l'ingenuità del giovane rossonero è evidente anche se il fallo non è solare. Questa volta Orsato è intransigente e assegna il rigore alla Fiorentina, poi sbagliato da Ilicic che colpisce clamorosamente il palo. Nel finale Luiz Adriano lanciato a rete viene atterrato nei pressi dell'area viola da Tomovic; l'arbitro non sanziona l'intervento e sbaglia clamorosamente. Andava concessa una punizione dal limite ai rossoneri. 




Commenta con Facebook