• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Inter, Semedo: l'esterno che manca a de Boer

TATTICA DEL MERCATO - Inter, Semedo: l'esterno che manca a de Boer

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sul terzino del Benfica


Nelson Semedo ©Getty Images
Maurizio Russo

21/09/2016 15:30

TATTICA DEL MERCATO INTER SEMEDO BENFICA / MILANO - Il calciomercato Inter di questa estate è stato davvero importante. La nuova proprietà cinese, nonostante le restrizioni imposte dal fair play finanziario, ha deciso di investire pesantemente per regalare al nuovo tecnico de Boer una rosa in grado di competere con i top team della Serie A per tentare di raggiungere uno dei primi tre posti e tornare a giocare la Champions League il prossimo anno. E così da un lato sono stati tenuti i giocatori migliori, da Icardi a Perisic passando per Miranda e Handanovic; dall'altro sono arrivati giovani talenti per tentare di fare il salto di qualità come Joao Mario e Gabigol. Eppure sembra mancare ancora un tassello per rendere l'Inter davvero completa: un terzino. La dirigenza nerazzurra si sta già muovendo per colmare la lacuna e l'obiettivo primario ad oggi sembra essere Nelson Semedo. Conosciamo meglio il giocatore attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.


BIOGRAFIA DI SEMEDO, OBIETTIVO IN DIFESA DELL'INTER

Nelson Cabral Semedo, anche conosciuto come Nelsinho, nasce a Lisbona il 16 novembre 1993. Cresce nel settore giovanile del Sintrense con cui fa il suo debutto in prima squadra a 17 anni. Nel gennaio del 2012 viene acquistato dal Benfica che gli fa siglare un contratto di cinque anni e lo lascia in prestito nel suo club fino al termine della stagione. L'anno seguente viene girato ancora in prestito al Fatima in terza divisione, poi ritorna alla base per vestire la maglia del Benfica B nella seconda serie portoghese con cui segna alla prima giornata. Nella stagione 2015-16 viene promosso in prima squadra e di nuovo va a segno nel primo turno di campionato. Gioca titolare le prime otto gare tra campionato e Champions prima che un grave infortunio al ginocchio lo costringa ai box per quasi quattro mesi. Quest'anno ha disputato tutti i match della stagione ufficiale andando in gol contro l'Arouca.

Semedo ha fatto il suo esordio con la Nazionale portoghese l'11 ottobre 2015 sotto la gestione Fernando Santos in occasione della vittoria in trasferta contro la Serbia valida per le qualificazioni agli Europei. Ma dopo l'infortunio non è stato più convocato e non ha fatto parte della trionfale spedizione lusitana ad Euro 2016.


CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI SEMEDO

Alto 1,77 per 65 kg, fisico longilineo ed asciutto, destro naturale. Semedo è uno dei terzini destri con maggiori potenzialità per sfondare a livello internazionale. E' un giocatore dotato di una notevole velocità di base accompagnata da una grande progressione sul lungo e da un ottimo scatto sul breve. La sua collocazione ideale è quella di terzino destro in una retroguardia a quattro, ma può giocare anche come laterale di un centrocampo a cinque e all'occorrenza come esterno d'attacco. Dotato di buone capacità fisiche e tecniche, è davvero un calciatore instancabile, in grado di fare su e giù sulla corsia di competenza per tutti i 90 minuti. Abile nel crossare e nel fornire assist, non disdegna nemmeno la conclusione in porta. Deve migliorare nei movimenti di squadra come la diagonale difensiva e sul gioco aereo.


SEMEDO E' UN GIOCATORE ADATTO ALL'INTER?

Il gol subito contro la Juventus ha evidenziato il problema dell'Inter sulle fasce. Da un lato D'Ambrosio ha lasciato crossare Alex Sandro, dall'altro Santon si è fatto anticipare da Lichtsteiner che l'ha messa dentro. E non è un caso se de Boer in questo avvio di stagione, in attesa del recupero di Ansaldi, abbia fatto ruotare tutti i terzini in rosa, compreso il giovane Miangue. Da questo punto di vista Semedo potrebbe sembra la pedina ideale per risolvere i problemi nerazzurri, ma si pongono diversi quesiti: il portoghese riuscirebbe ad adattarsi al calcio italiano? E' già maturo da un punto di vista tattico per la Serie A? Il rischio è quello ritrovarsi a scommettere su un giocatore senza essere certi che possa essere quello giusto. Ecco perché da tempo gli scout interisti lo seguono con attenzione. Altro problema è quello del costo del cartellino: il Benfica, si sa, è una bottega cara sul calciomercato. E con l'ultimo rinnovo di contratto ha portato la clausola di rescissione a 45 milioni di euro. Operazione difficile per gennaio, specie se i lusitani dovessero andare avanti in Champions, ma che in Portogallo assicurano andrà in porto la prossima estate.




Commenta con Facebook