• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-LAZIO

Paletta e Calabria sono solidissimi. Niang sprecone, Bacca letale. Parolo e Bastos: serataccia. Strakosha grande istinto


Bacca ©Getty Images
Stefano Carnevali

20/09/2016 22:43

Ecco le pagelle di MILAN-LAZIO:

 

MILAN

Donnarumma 6 - Un paio di parate sicure. Qualche uscita meno. Nella ripresa quasi inoperoso. 

Calabria 7 - Preferito al malconcio Abate, ritrova la sua fascia. Non comincia bene, soffrendo la pressione di Lulic e facendosi attirare troppo facilmente fuori posizione. La cosa migliore la fa al 45’ su Immobile fermato nel cuore dell’area. Nella ripresa è molto più positivo. Grande assist per Niang che il Francese spreca all'11' della rirpesa. Bene anche nelle chiusure. 

Paletta 7 - Sempre titolare, perché se lo sta meritando. Per tutto il primo tempo è lui che sbroglia le occasioni più complicate. E non sono poche. Miracoloso al 12' della ripresa su Keita. 

Romagnoli 6,5 - Diligente anche se un po' leggero Fa comunque il suo. Bene nel finale.  

De Sciglio 6 - Siamo alle solite: se ne sta sulle sue e soffre. Di testa non ne prende una e le sue chiusure su Basta sono sempre poco decise. Durante il recupero ha la palla del 2-0, ma non ha il coraggio di calciare  e cerca di favorire Bonaventura. Nel secondo tempo è più sollecitato da Anderson e risponde con maggior concentrazione e molta più efficacia. 

Kucka 6,5 - Torna dopo la squalifica, ma appare un po’ imballato. Perde quasi tutti i duelli con Milinkovic e sbaglia molto quando si tratta di accompagnare la manovra. Con il passare dei minuti si ritrova ed è lui a mandare Bacca in porta. Solido nel secondo tempo. 

Montolivo 6,5 - Troppo poco. Non riesce a limitare Cataldi e men che meno a far partire l’azione. La mediana del Milan balla tanto e lui ci mette del suo. Però cresce. Secondo tempo più tranquillo. Chiude da mezz'ala, bene. 

Bonaventura 6 - Avrebbe dovuto riposare, ma l’infortunio di Sosa lo costringe agli straordinari. Gioca molto lontano dalla porta, cercando anche di proporsi per far cominciare l’azione. Si conferma comunque un po’ appannato: l’indecisione sotto porta al 34’ lo testimonia. Anche la scelta di calciare al 38’ (invece che provare l’assist) denota scarsa lucidità. È comunque sempre utile alla causa e la palla non la perde mai. Nel finale è Basta a impedirgli il gol, salvando a portiere battuto: forse poteva fare meglio. Nella ripresa più quantità che qualità. Chiude nel tridente, faticando un po'. Dall'82' Honda s.v.

Niang 6 - Si vede poco in avvio. Poi si accende, approfittando di una marcatura tutt’altro che severa da parte di Bastos. Al 14’ ha una grande occasione, ma calcia debolmente. Poco dopo altra occasione favorevole in cui sbaglia il cross. Successivamente è il più vivace del tridente rossonero, anche se gli errori restano numerosi. Nella ripresa si sacrifica su Felipe Anderson. All'11' della ripresa fallisce un gol assurdo. Bello il duello con Basta, ma troppo impreciso quando si tratta di finalizzare l'azione. Bacca gli concede il rigore e gli dà l'occasione di sbloccarsi. 

Bacca 6,5 - Si riprende la titolarità. Avvio poco positivo: tanti tocchi sbagliati, molta fatica nel proteggere il pallone. Ha una palla buona: non fallisce. Passa il secondo tempo a fare 'a sportellate' con de Vrji senza sfondare mai. Dall'87' Gomez s.v.

Suso 6 - Rispetto al solito cerca di trattenere meno il pallone, ma sbaglia un po’ troppo. Cresce dopo il gol di Bacca, riuscendo a saltare con costanza Radu e a risultare spesso ficcante. Dal 68' Locatelli 6 - Si piazza in mezzo al campo e gioca con ordine e semplicità.

All. Montella 6,5  - Sofferenza in avvio. Poi tanto possesso poco efficace e troppa fragilità in mediana. Poi un po' di possesso e tranqullità in più. Dopo il gol di Bacca, il Milan approfitta di una Lazio fuori giri fino all'intervallo ma non chiude il match. Buon secondo tempo. 

 

LAZIO

Strakosha 6,5 - All’ultimo si ferma Marchetti e il giovane albanese esordisce in Serie A.  Dopo 35’ minuti da spettatore, è trafitto senza colpe da Bacca e poi ferma - anche con qualche brivido - due volte Bonaventura. Miracoloso sul quasi autogol di Bastos. Bravo almeno in altre tre occasioni anche nella ripresa. Grande istinto. 

Bastos 4,5 - Avvio negativo: fatica contro Niang e tiene in gioco il Francese nella grande occasione per il Milan al 14’. Tanti errori anche in fase di costruzione e disattento in occasione del gol di Bacca. Maldestro anche nel recupero: solo Strakosha evita il suo autogol. Dal 46' Keita 6,5 - Combina bene con Immobile più avanzato. Al 12' della ripresa si fa però 'mangiare' da Paletta. È comunque il più brillante nel confusionario secondo tempo dei suoi. 

de Vrij 5,5 - Perno della difesa. Chiude tutti gli spazi e tampona efficacemente Bacca. Assente anche lui in occasione del gol di Bacca, dopo un'uscita improvvida. Lotta con Bacca e tiene bene fino al 2-0. Poi è abbandonato e comincia a picchiare troppo. Rischia il 'rosso' a 15' dalla fine. 

Radu 5 - È sempre molto ruvido, ma risulta comunque efficace. Quando però Suso aumenta i giri, soffre. Anche lui fuori posizione in occasione del gol di Bacca. Maldestro anche quando concede il rigore al Milan. 

Basta 6 - Niang fa un paura e Inzaghi preferisce lui a Felipe Anderson. Ha buon gioco contro De Sciglio, che lo controlla sempre troppo da lontano. Salvataggio importantissimo su Bonaventura nel finale di tempo. Nella ripresa fa il centrale di destra e ingaggia un grande duello con Basta. 

Parolo 5 - I suoi inserimenti sono spesso pericolosi, anche perché De Sciglio fatica a limitarlo. Devastante l’errore che consente a Kucka di lanciare Bacca per l’1-0 Milan. Da lì fatica a ritrovarsi. 

Cataldi 5,5 - Sostituisce Biglia e comincia molto bene: gioca rapido e preciso, cercando di scavalcare la mediana avversaria con lanci e palle filtranti. Con il passare dei minuti il Milan aumenta il ritmo e lui perde in efficiacia. Scompare nella ripresa. Dal 77' Luis Alberto s.v.

Milinkovic-Savic 6,5 - Avvio molto positivo: è lui a dare supporto alle punte, accompagnando l’azione e ‘buttandosi sempre dentro’. All’11’ sorprende tutti con un bel colpo di testa dopo un fallo laterale e impegna Donnarumma. Cala nel secondo tempo. 

Lulic 5,5 - Molto aggressivo: mette sempre sotto Calabria. Con il passare dei minuti, però, mette a referto qualche errore tecnico di troppo. Soffre molto nella ripresa. 

Immobile 5,5 - Intelligente. Si allarga spesso, giocando alle spalle di Djordjevic e cercando di sfondare da sinistra. Si perde sempre sul più bello. Si mangia un gol incredibile all'ultimo minuto. 

Djordjevic 5 - Punto di riferimento che ben duetta con Immobile. Conferma di aver perso il feeling con il gol. Dal 46' Felipe Anderson 6 - Si prende tutta la fascia destra, costringendo Niang a inseguirlo ma esaltando sorprendentemente De Sciglio. 

All. Inzaghi 5 - Conferma il 3-5-2, ma decisamente più coperto rispetto alla partita contro il Pescara. La Lazio comincia molto bene: pressione alta e tanto coraggio. Poi la squadra si abbassa non poco, aspettando il palleggio del Milan. Dopo il gol subito la Lazio si smarrisce. Cambia tutto nella ripresa, inserendo sia Keita, sia Felipe Anderson. I suoi cambi non incidono. Confusione. 

 

Arbitro: Massa 5,5 - Al 6’ Niang è lanciato a rete e, dopo un impatto con Bastos, stramazza al suolo. L’arbitro lascia correre e sembra fare bene: è Niang che tocca inavvertitamente la gamba del difensore laziale e poi inciampa. Al 13’ sbaglia: Suso alza la gamba, ma è Radu a entrare durissimo. Era punizione per il Milan. Bravissimo al 14’ quando lascia giocare Niang che sembrava in offside. Grazia Basta al 23’: il suo ‘mani’ era assolutamente meritevole di ammonizione. Altro dubbio al 33’: Parolo entra scomposto su Suso e lui lascia correre. Lascia correre troppo, non punendo tanti contatti sospetti nella trequarti ospite. Giusto non convalidare il gol di Kucka nel recupero: lo Slovacco colpisce Strakosha impedendogli la parata. Nella ripresa porsegue a far mormorare un po' tutti, lasciando correre troppo. Sbagliato un fuorigioco segnalato a Niang, dopo una bella parata di Strakosha sulla punizione di Kucka. Il rigore per il Milan c'è: Radu scivola ma, con il braccio, occupa tantissimo spazio. Nessun errore decisivo, ma raramente 'pulito'. 

 

TABELLINO

MILAN-LAZIO 2-0

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Paletta, Romagnoli, De Sciglio; Kucka, Montolivo, Bonaventura (82' Honda); Suso (68' Locatelli), Bacca (87' Gomez), Niang. All. Montella. A DISP: Abate, Poli, Sosa, Pasalic, Luiz Adriano, Lapadula, Vangioni, Ely, Gabriel. 

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos (46' Keita), de Vrij, Radu; Basta, Parolo, Cataldi (77' Luis Adriano), Milinkovic-Savic, Lulic; Immobile, Djordjevic (46' Felipe Anderson). All. Inazghi. A DISP: Lombardi, Wallace, Patric, Hoedt, Marchetti, Murgia, Leitner, Lukaku, Vargic

Arbitro: Massa

Marcatori: 37’ Bacca, 74' rig. Niang 

Ammoniti: 46’ Bastos, 59' Cataldi, 66' de Vrji (L); 62' Calabria (M)

Espulsi: 

Note:  




Commenta con Facebook