• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Crotone > Roma-Crotone, Trotta: "Possiamo giocarcela. Sono qui per dimostrare tutto"

Roma-Crotone, Trotta: "Possiamo giocarcela. Sono qui per dimostrare tutto"

L'attaccante degli ospiti anticipa la sfida dell'Olimpico


Marcello Trotta ©Getty Images

20/09/2016 09:00

ROMA-CROTONE INTERVISTA A MARCELLO TROTTA SU LA GAZZETTA DELLO SPORT / ROMA - A 24 ore dalla sfida di campionato Roma-Crotone, l'edizione odierna de 'La Gazzetta dello Sport' propone un'intervista all'attaccante degli ospiti Marcello Trotta.

ROMA-CROTONE - "Non è impossibile mettere in difficoltà la Roma. Loro hanno grande qualità, ma noi abbiamo le carte per giocarcela. Spesso non sfruttiamo al meglio le occasioni, col Palermo è successo questo. Ma io vedo miglioramenti partita dopo partita. Dzeko? E' fortissimo, lo ha dimostrato in Inghilterra e in Germania. Ha solo bisogno della fiducia e dell’ambiente giusto".

IL TRASFERIMENTO AL CROTONE - "Sono qui perché avevo bisogno di giocare con continuità. Volevo giocare. Quest’anno devo dimostrare le mie qualità. Il Sassuolo è una grande realtà del calcio italiano, ma è cresciuto a piccoli passi. Magari un giorno anche il Crotone arriverà a quel livello. Questa è una città felice di fare la Serie A e c’è molto entusiasmo. Devo dare una mano a questa squadra. Icardi è il più forte centravanti della Serie A dopo Higuain, mentre io... occupo un posto molto basso (ride, ndr). Io devo ancora dimostrare tutto".

L'ESPERIENZA IN INGHILTERRA - "È stata molto dura lasciare l'Italia, ma poi scopri una terra fantastica e un mondo completamente diverso. Londra è una città che è tanti anni avanti rispetto a quelle italiane. Ti fa diventare uomo presto. In Inghilterra respiri calcio in qualsiasi categoria. Ho visto gioielli di stadio con 15-20 mila spettatori che ti fanno sentire la partita in maniera diversa. È una pecca del calcio italiano".

S.D.




Commenta con Facebook