• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI VIKTORIA PLZEN-ROMA

PAGELLE E TABELLINO DI VIKTORIA PLZEN-ROMA

Juan Jesus stecca ancora, il rigore di Perotti non basta. Gerson da rivedere


El Shaarawy © Getty Images

15/09/2016 20:51

ECCO LE PAGELLE DI VIKTORIA PLZEN-ROMA

 

VITKORIA PLZEN

Bolek 6 – Aspetta fino all’ultimo il tiro di Perotti su calcio di rigore, trasformato dall’argentino. Trascorre di fatto un primo tempo tranquillo, soprattutto per demeriti degli ospiti. Bravo ad inizio ripresa nell’uscita su Dzeko, un po’ pasticcione più tardi dove regala un corner gratuito alla Roma.

Mateju 4,5 – Grave l’indecisione iniziale dal quale nasce il rigore per la Roma, propiziato proprio dal terzino dei cechi. Sempre molto impacciato nei disimpegni, diventa l’anello debole che la squadra di Spalletti prova a sfruttare.

Hejda 6,5 – Mateju lo costringe spesso a ripiegare sulla corsia destra. Sbriglia un paio di situazioni pericolose, anche con un pizzico di fortuna. Nella ripresa se la vede spesso con Dzeko, ma alla fine non commette sbavature.

Hubnik 6 – Molto attento in tutto l’arco dei primi quarantacinque minuti, rischia grosso ad inizio secondo tempo su un traversone tagliato di Manolas che per poco non favorisce Dzeko.

Limbersky 6 – Tra i giocatori più rappresentativi del Viktoria, scende con discreta continuità sulla fascia anche perché Iturbe non appare essere predisposto alla fase difensiva.

Kopic 6 – Punta con regolarità Juan Jesus, protagonista di un’altra gara da dimenticare. Potrebbe affondare di più ma è comunque un’insidia costante.

Kaçe 6,5 – Tanta corsa e polmoni a disposizione del mediano albanese che staziona davanti alla difesa per coprire gli spazi degli attaccanti romanisti.

Horava 6,5 – Più tecnico rispetto a Kace, limita bene il palleggio dei giocatori di Spalletti, sfornando una prova al di sopra della sufficienza.

Zeman 6,5 – Molto intraprendente sin dalle prime battute, pennella il cross per il colpo di testa vincente di Bakos. Il suo sinistro mette apprensione ai difensori romanisti, specie sulle palle da fermo. Cala con il passare dei minuti. Dal 72’ Petrzela 6 - Allenta la pressione della Roma con un paio di ripartenze. Nel finale impegna Alisson con un sinistro dalla distanza.

Duris 6 – Nella prima mezz’ora manda spesso in confusione Fazio quando viene incontro ai centrocampisti. Esalta i riflessi di Alisson sulla punizione velenosa di Zeman, e all’occorrenza pressa Paredes in fase di non possesso palla. Meno vivace nei secondi quarantacinque minuti. Dal 78’ Krmencik s.v.

Bakos 6,5 – Ruba il tempo a Juan Jesus e di testa trafigge Alisson con un’incornata non irresistibile. Lotta molto con i difensori romanisti cercando di favorire gli inserimenti dei centrocampisti. Dall’ 84’ Poznar s.v.

All. Pivarnik 6,5 – Attacca alto la Roma sin dalle prime battute, riuscendo a rimediare allo svantaggio iniziale. La differenza tecnica è evidente tra le due squadre, ma i suoi ragazzi hanno il merito di sfornare una prestazione importante mettendo a tratti in difficoltà i giallorossi.

 

ROMA

Alisson 5,5 – Tornato titolare a quasi mese dall’ultima apparizione, non si dimostra all’altezza sul pareggio del Viktoria, buttandosi in leggero ritardo sul colpo di testa vincente di Bakos. Più reattivo, poco dopo, sull’incornata pericolosa di Duris.  

Bruno Peres 6 – E’ dalla sua parte che i padroni di casa insistono spesso anche per le sovrapposizioni di Limbersky. Le cose migliori le combina nella ripresa, quando ha più campo per arrivare sul fondo.

Manolas 6,5 – Come domenica con la Samp, è chiamato quasi sempre a mettere una pezza sugli errori dei suoi compagni di reparto. Non sempre, tuttavia, riesce ad essere risolutore. Più efficace nel secondo tempo.    

Fazio 5 – Spesso in ritardo in anticipo, va’ in difficoltà per la rapidità degli attaccanti avversari che mettono in evidenze tutte le lacune del giocatore giallorosso più vincente in Europa League. Il copione si ripete nella ripresa, nella quale aggiunge anche tanti errori tecnici.

Juan Jesus 4,5 – Dopo la disastrosa prestazione di domenica scorsa, commette subito un’altra ingenuità facendosi anticipare da Bakos in occasione del pareggio ceco. La sua partita da lì è tutta in salita e il brasiliano non riesce a far nulla per rimediare.

Nainggolan 5,5 – Non si trova a suo agio in un centrocampo inedito, nel quale è lui l’unico con caratteristiche di interdizione. Quando prova ad inserirsi, centra il palo sull’ottimo suggerimento di El Shaarawy. Non è comunque ancora al top della forma.

Paredes 6,5 – Lento e compassato nella prima mezz’ora, ci mette un po’ nel dare un minimo di geometrie alla manovra della squadra. Decisamente più intraprendente nel secondo tempo, nel quale si fa apprezzare anche per qualche buona chiusura difensiva.  

Gerson 5,5 – Lanciato titolare da Spalletti, il brasiliano stenta ad entrare in partita nel ruolo di mezz’ala sinistra. Prende coraggio quando la Roma comincia ad avere il pallino del gioco, ma all’intervallo il tecnico romanista preferisce lasciarlo negli spogliatoi. Da rivedere. Dal 46’ Dzeko 5,5 – Offre un’alternativa di gioco in più ai giallorossi. Non è cinico sul lancio di El Shaarawy dove prova ad aggirare il portiere senza successo. Gli manca l’acuto decisivo.

Iturbe 5 – Ultima chiamata per l’esterno paraguaiano, a detta del ds Sabatini, colui che due anni fa puntò su di lui con un assegno da circa 25 mln di euro. L’ex Verona però delude anche stavolta: sbaglia spesso la giocata e nell’unica occasione che potrebbe presentarsi davanti al portiere cicca clamorosamente il pallone. Più combattivo nella seconda frazione, ma non basta. Dal 71’ Florenzi 5,5 – Torna a giocare da esterno alto, ma non trova il varco giusto per far male ai cechi.

Perotti 6 – Come a Cagliari, pronti via e si conferma glaciale dagli undici metri trasformando il quinto rigore stagionale concesso ai giallorossi. Alterna giocate illuminanti ad altre meno brillanti.

El Shaarawy 6 – E’ bravo al terzo ad approfittare dello svarione di Mateju e a conquistarsi il rigore dell’1-0. Rianima i giallorossi offrendo intorno alla mezz’ora a Nainggolan il pallone del possibile 1-2, poi anche nel secondo tempo cerca e trova Dzeko, ma il bosniaco sbaglia. Pecca però ancora di cattiveria sotto porta. Dal 72’ Totti 6,5 – Regala subito un passaggio in verticale che solo uno come lui sa fare. Si ripete nel finale, ma Dzeko non ci arriva.

All. Spalletti 6 – Boccia dopo i primi quarantacinque minuti la novità Gerson, ripresentando nella ripresa il duo Totti-Dzeko in fase offensiva. I problemi maggiori, tuttavia, si confermano in difesa dove si faticano a trovare giocatori affidabili oltre a Manolas. Il pareggio conquistato alla fine non è da buttare.

                                 

Arbitro: Ruddy Buquet 5,5 – Quache dubbio inizialmente sul rigore assegnato ai giallorossi: il contatto tra Mateju e El Shaarawy sembra esserci. Il penalty può starci. Non esita a tirare fuori i cartellini gialli, ogni qualvolta c’è un intervento al limite. In pieno recupero, da rivedere il calcetto di Perotti ad un avversario: il contrasto avviene al limite dell’area di rigore giallorossa. L’arbitro lascia proseguire il gioco senza assegnare neanche il calcio di punizione.


TABELLINO

VIKTORIA PLZEN-ROMA

Viktoria Plzen (4-4-2): Bolek; Mateju, Hejda, Hubnik, Limbersky; Kopic, Kaçe, Horava, Zeman (dal 72’ Petrzela); Duris (dal 78’ Krmencik), Bakos (dall’84’ Poznar). A disp.: Svacek, Reznik, Kovarik, Baranek.All.: Roman Pivarnik.

Roma (4-3-3): Alisson; Bruno Peres, Manolas, Fazio, Juan Jesus; Nainggolan, Paredes, Gerson (dal 46’ Dzeko); Iturbe (dal 71’ Florenzi), Perotti, El Shaarawy (dal 72’ Totti). A disp.: Szczesny, Seck, Strootman, Salah. All.: Luciano Spalletti.

Arbitro: Ruddy Buquet (Fra).

Marcatori: 4' Perotti (R), 11’ Bakos (V)

Ammoniti: 16' Mateju (V), 17’ Duris (V), 21’ Manolas (R), 49’ Horava (V), 50’ Juan Jesus (R), 61’ Paredes (R), 82’ Bakos (V)

Espulsi:




Commenta con Facebook