• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Torino > Atalanta-Torino, Mihajlovic: "Ringrazio la società per gli sforzi sul mercato. Ora l'Europa"

Atalanta-Torino, Mihajlovic: "Ringrazio la società per gli sforzi sul mercato. Ora l'Europa"

Il tecnico granata ha aggiunto: "Dovremo essere bravi noi a essere più forti delle circostanze"


Sinisa Mihajlovic © Getty Images

10/09/2016 15:31

ATALANTA TORINO CONFERENZA STAMPA MIHAJLOVIC / TORINO - "Finalmente è finito il mercato: volevo ringraziare la società per gli sforzi fatti", esordisce così Sinisa Mihajlovic nella conferenza stampa alla vigilia di Atalanta-Torino. "Il Torino ha cambiato allenatore e sistema di gioco - ha proseguito - ha venduto pezzi importanti, però ha anche acquistato giocatori di esperienza, qualità e anche giovani promettenti. La società non ha avuto paura di cambiare, ha fatto di tutto per accontentarmi: non siamo riusciti a fare tutto quello che volevamo, ma sicuramente non per colpa nostra. La rosa è comunque buona: in alcuni ruoli siamo un po' corti, in questo dovremo sopperire con lo spirito di sacrificio e la volontà di squadra. Ai miei giocatori faccio sempre l'esempio della mano: se è aperta le dita sono separate, se è chiusa diventano un pugno. Noi dobbiamo essere uniti come un pugno chiuso per tutto l’anno".

Dal mercato al campo: Mihajlovic si è soffermato sugli obiettivi stagionali. "l nostro obiettivo rimane quello di lottare per l'Europa. Se ci riusciremo, dipenderà da fattori interni ed esterni, e anche dalla fortuna: e non intendo pali, traverse, rigori sbagliati, ma soprattutto mi riferisco agli infortuni. Noi dovremo essere bravi a sopperire alle assenze, quando capiteranno. Preferisco giocare contro un avversario forte ma con la squadra al completo, piuttosto che contro un avversario meno forte ma con tante assenze. Detto questo, dovremo essere bravi noi a essere più forti delle circostanze".

D.G.




Commenta con Facebook