• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Genoa > Genoa, Burdisso: "In vetta grazie alle poche cessioni. Juric come Bielsa"

Genoa, Burdisso: "In vetta grazie alle poche cessioni. Juric come Bielsa"

L'esperto difensore argentino ha elogiato il nuovo tecnico del 'Grifone'


Nicolas Burdisso ©Getty Images

10/09/2016 12:42

GENOA BURDISSO SERIE A / GENOVA - Le prime due giornate di campionato hanno incoronato la città di Genova: assieme alla Juventus anche Genoa e Sampdoria guidano a punteggio pieno. "Sono convinto che siamo lì perché sul mercato abbiamo cambiato poco”, ha spiegato Nicolas Burdisso a 'La Gazzetta dello Sport'. "Possiamo mettere a frutto il lavoro degli ultimi anni - ha proseguito il difensore argentino - perché l'allenatore ha portato entusiasmo e carica agonistica. Questa partenza è solo bella. Dire che possa essere un pericolo è un pensiero mediocre. L'entusiasmo e l'ottimismo vanno usati in maniera positiva. Cambio in panchina? Sappiamo quanto Gasperini ha fatto per questa squadra. La società ha avuto il merito di continuare sulla stessa linea, cambiando però il condottiero: mantenere la stessa mentalità è un vantaggio". 

Giuri gli ricorda un grande maestro di calcio come Bielsa: "Pretendono la stessa intensità. 'El Loco' nell'allenamento di rifinitura ci faceva fare una sessantina di scatti. Qui ci siamo vicini. Juric è meno estremo, parla poco come lui e, come lui, in campo si trasforma. Il suo grande pregio sono le idee chiare: sa cosa vuole in campo, sa cosa non facevamo alla perfezione prima e come lavorare su questo per migliorare. Differenze con Gasperini? Anche con lui ho ritrovato la mentalità di Bielsa, la stessa che Luis Enrique non era riuscito a trasmettere alla Roma: accettare la sfida uno contro uno con gli attaccanti. I gol che subivamo non erano causati da questo, ma da altri equilibri, proprio quelli sui quali stiamo lavorando con Juric".

D.G.




Commenta con Facebook