• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Immobile: "Punto a diventare titolare in nazionale. Keita? Il peggio è passato"

Lazio, Immobile: "Punto a diventare titolare in nazionale. Keita? Il peggio è passato"

La punta biancoceleste ha parlato del suo avvio di stagione


Ciro Immobile © Getty Images

09/09/2016 21:02

LAZIO IMMOBILE PARAGONE GIORDANO / ROMA - In questo (positivo) avvio di stagione i paragoni con grandi bomber del passato si sono sprecati per Ciro Immobile. C'è chi lo accosta a Signori, altri a Giordano (anche lo stesso ex giocatore ha confermato una certa somiglianza): "Ho letto l'intervista a Bruno Giordano. Mi ha fatto davvero piacere, lui è stato un grande alla Lazio - ha spiegato la punta della Lazio ai microfoni di 'Radio Deejay' - Speriamo di segnare il più possibile, sia per me che per quelli che mi hanno comprato. Qui alla Lazio mister Inzaghi propone il gioco offensivo ideale per un attaccante centrale, che è facilitato dal lavoro degli esterni. Ora sto giocando più vicino alla porta, speriamo di fare tanti gol. A Bergamo è andata bene, contro la Juventus la differenza l'ha fatta l'avversaria. Ho fatto solo un gol? Alla fine nel terzo gol di Lombardi contro l'Atalanta c'è il mio zampino!". 

A Verona potrebbe avere per la prima volta al proprio fianco Keita: "Il peggio è passato - ha ammesso la punta partenopea - ora sta con noi ed è tranquillo. Sicuramente ha qualità e deve dimostrare continuità, così come 'Felipetto' (Felipe Anderson, ndr) che è un giocatore di qualità e speriamo faccia tanti gol anche lui perché dobbiamo andare più avanti possibile".

Conclusione dedicata alla nazionale azzurra: "Spero di diventare il titolare. Quello è l'apice per la carriera di un calciatore. Un sogno per tutti. Purtroppo il Mondiale è andato male, mentre sono felice di aver fatto parte della spedizione dell'Europeo. È stato molto importante per la mia crescita sotto tutti i punti di vista. Con Ventura ora siamo partiti col piede giusto".

D.G.




Commenta con Facebook