• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, testa a gennaio: Badelj in pole, Romagnoli non si tocca

Calciomercato Milan, testa a gennaio: Badelj in pole, Romagnoli non si tocca

Il difensore giura amore ai rossoneri, a centrocampo si sogna anche Fabregas


Alessio Romagnoli ©Getty Images
Mario D'Amiano

09/09/2016 13:07

CALCIOMERCATO MILAN ACQUISTI CESSIONI ROMAGNOLI BADELJ / MILANO - Il calciomercato, si sa, dura tutto l'anno. La sessione estiva si è chiusa da poco, ma i club già pensano ai possibili rinforzi invernali. Tra questi c'è il Milan, alle prese con un riassetto societario e i malumori dei tifosi per una squadra che non sembra migliorata molto rispetto a quella che lo scorso scorso si è piazzata al settimo posto in Serie A. Montella è ancora alla ricerca di un vero e proprio regista che possa dettare i tempi di gioco e aumentare il tasso tecnico del centrocampo. Così, soprattutto se i risultati in campo dovessero confermare l'idea generale di tifosi e addetti ai lavori, intervenire a gennaio diventerà un obbligo. L'obiettivo, però, sarà anche trattenere i migliori calciatori. Il Milan, scelto il nuovo direttore sportivo, si fionderà con la testa al calciomercato di gennaio: da Badelj al sogno Fabregas, passando per Musacchio e la permanenza di Romagnoli.

PRIMA IL DS, POI IL MERCATO. DA MIRABELLI A BIGON, I NOMI

In casa Milan sono giorni frenetici anche per la composizione del nuovo quadro dirigenziale. Con Adriano Galliani che potrebbe presto lasciare i rossoneri dopo circa un trentennio, è già partita la caccia al nuovo direttore sportivo. Marco Fassone, futuro Ad e Dg della nuova proprietà cinese, sta vagliando i nomi giusti per l'uomo che governerà il mercato Milan dei prossimi anni. Dopo il rifiuto di Fabio Paratici, in queste ore il nome caldo è quello di Massimiliano Mirabelli, capo degli osservatori dell'Inter. Tuttavia, si valutano ancora altre piste, come Andrea Berta, Walter Sabatini, Riccardo Bigon e Daniele Pradè. Damiano Paletta, ex presidente del Cosenza, ha parlato di Mirabelli ai nostri microfoni: "Di Massimo posso solo dire tutto il bene del mondo - esordisce a Calciomercato.it - Ci ha fatto vincere due campionati di seguito. E' passionale, competente, rigido nel suo lavoro soprattutto con i procuratori che per alcuni direttori sportivi è un po' il punto debole".

GLI ACQUISTI: DA BADELJ AL SOGNO FABREGAS, PASSANDO PER MUSACCHIO E RODRIGO CAIO

Una volta scelto il nuovo Ds, si penserà ai rinforzi. La scorsa sessione di mercato si è chiusa con l'acquisto di Mati Fernandez, strappato al Cagliari tra mille polemiche. Tuttavia, Montella non ha ricevuto l'agognato regista che possa dettare i tempi di gioco e aumentare il tasso tecnico della rosa. Per questo motivo, probabilmente il primo obiettivo sarà ricercato in quel ruolo. In cima alla lista c'è sempre Badelj, centrocampista della Fiorentina. L'offerta fatta da Galliani in estate, come anticipato da Calciomercato.it, è stata rifiutata. I viola potrebbero cambiare opinione fra qualche mese. Intanto, le altre piste portano a Biglia (difficilmente acquistabile a gennaio), Witsel (promesso sposo alla Juventus), Verratti e Fabregas. Per quanto concerne gli ultimi due, si tratta più di 'sogni' che affari concreti: per acquistarli bisgonerà sperare in un elevato investimento della nuova società. Per quanto riguarda gli altri reparti, infine, qualcosa potrebbe muoversi in difesa. I nomi caldi restano Rodrigo Caio, che ha acquisito il passaporto comunitario, e Mateo Musacchio, già voluto da Montella la scorsa estate.

FRONTE CESSIONI: DONNARUMMA, ROMAGNOLI E BACCA NON SI TOCCANO

Sul fronte cessioni, l'obiettivo principale sarà trattenere i migliori talenti presenti in rosa. Il Milan proverà a blindare campioni quali Donnarumma, Romagnoli, De Sciglio, Bonaventura e Bacca. Le offerte per loro non sono mancate in estate. Il giovane portiere, dato l'enrme potenziale, piace ai migliori club europei; lo stesso vale per il centrale richiesto, tra le altre, da Chelsea e Barcellona. Romagnoli ha però giurato amore ai rossoneri: "Offerta del Chelsea? Mi ha fatto piacere vedere rifiutare 40 milioni senza fare una piega". Per quanto riguarda il colombiano, invece, in estate la sua cessione è sembrata imminente in più di un'occasione. Tra i calciatori che potrebbero lasciare qualora non dovessero trovare spazio a sufficienza, infine, ci sono Kucka e Poli.




Commenta con Facebook