• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Calciomercato Milan, ESCLUSIVO Paletta: "Ecco chi è Mirabelli"

Calciomercato Milan, ESCLUSIVO Paletta: "Ecco chi è Mirabelli"

L'ex presidente del Cosenza intervistato da Calciomercato.it


Mirabelli (Youtube)
ESCLUSIVO
Alessio Lento (@lentuzzo)

09/09/2016 10:19

CALCIOMERCATO MILAN MIRABELLI ESCLUSIVO PALETTA INTER / COSENZA - Nei giorni scorsi è circolata con forza la notizia del possibile approdo al Milan di Massimiliano Mirabelli come nuovo direttore sportivo. L'attuale capo degli osservatori dell'Inter è in scadenza di contratto alla fine della stagione in corso e il futuro amministratore delegato rossonero, Marco Fassone, sta pensando di affidare il calciomercato Milan proprio al dirigente cosentino. 

Per un ritratto a tutto tondo di Mirabelli, abbiamo deciso di affidarci ad una persona che ha avuto modo di lavorare fianco a fianco con l'ex Sunderland: Damiano Paletta, ex presidente del Cosenza dal 2007 al 2009 che con Mirabelli direttore generale ha conquistato due storiche promozioni consecutive. "Di Massimo posso solo dire tutto il bene del mondo - esordisce a Calciomercato.it l'ex massimo dirigente del club rossoblu - Ci ha fatto vincere due campionati di seguito partendo dall'intuizione del duo Toscano-Napoli in panchina. E' passionale, competente, rigido nel suo lavoro soprattutto con i procuratori che per alcuni direttori sportivi è un po' il punto debole. E' sicuramente rispettoso, ma poi ognuno deve fare i suoi interessi. L'esperienza a Cosenza credo sia stata la base che l'ha forgiato prima di quelle al Sunderland e all'Inter"

Continua Paletta: "So quanto Fassone stima Mirabelli e se diventasse direttore sportivo del Milan sarebbe il massimo per lui. Sebbene si tratti di voci, solo a leggerle mi viene la pelle d'oca. Anche perché ritengo che in questo suo successo ci sia anche un po' di noi, di quel gruppo dirigenziale che lo volle a Cosenza. Succedere a Galliani, che reputo uno dei migliori dirigenti italiani degli ultimi venti anni, sarebbe il giusto riconoscimento del suo lavoro e della sua serietà. Ha valori importanti che gli provengono dalla grande famiglia a cui appartiene ed è una persona rispettosa dei rapporti, si fa voler bene. Mi auguro davvero che la scelta del Milan ricada su di lui, se lo meriterebbe".




Commenta con Facebook