• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pescara > Pescara, Oddo: "Volevo fare il dirigente ma è una casta. L'Inter ha giocatori più forti della Juve

Pescara, Oddo: "Volevo fare il dirigente ma è una casta. L'Inter ha giocatori più forti della Juve"

Il tecnico degli abruzzesi parla in vista della gara con i nerazzurri: "Ma a loro manca ancora il contesto tattico"


Massimo Oddo ©Getty Images

08/09/2016 09:08

PESCARA ODDO INTER JUVENTUS / PESCARA - Tra retroscena e futuro. Massimo Oddo, tecnico del neopromosso Pescara, si racconta in una lunga intervista concessa ai microfoni del 'Corriere dello Sport': "L'impatto con la Serie A si pensava potesse essere molto difficoltoso, invece è stato non dico agevole ma positivo: abbiamo retto il confronto con due squadre, Napoli e Sassuolo, che sono probabilmente le più organizzate del campionato e pure quelle che hanno più continuità rispetto all'anno scorso".

INTER - "Scherzetto? Ci proviamo. Non abbiamo paura, giochiamo senza nasconderci. La metto tra le rivali della Juve con Napoli e Roma. L'Inter ha dei giocatori assurdi, pazzeschi. Dico un'eresia: pure più forti di quelli della Juve. Chiaro che poi li devi far giocare insieme. La Juve ha anche un contesto, all'Inter ora manca".

DA DIRIGENTE A ALLENATORE - "In realtà non volevo fare l'allenatore. Ho studiato scienze manageriali dello sport, volevo fare il direttore sportivo e infatti ho frequentato pure il corso, per diventare un dirigente di alto profilo, alla Marotta o alla Galliani per intenderci. Ho provato a rubare il mestiere a qualcuno però mi sono reso conto che è una casta: ho trovato le porte chiuse. Forse perché ho un cognome pesante o per altri motivi. Per la carriera di allenatore di sicuro devo ringraziare Liverano che quando andò al Genoa mi chiamò convincendomi ad iniziare ad allenare nel vivaio rossoblu piuttosto che restare fermo".

L.P.

 




Commenta con Facebook