• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, il giovane Cardelli lascia il calcio: "Pieni di stranieri, il movimento italiano è morto!"

Lazio, il giovane Cardelli lascia il calcio: "Pieni di stranieri, il movimento italiano è morto!"

Il difensore classe '98 si è sfogato con un lungo post su Facebook


Pallone ©Getty Images

05/09/2016 23:39

LAZIO CARDELLI ADDIO CALCIO / ROMA - Ad appena 18 anni Filippo Cardelli ha deciso di dire addio al calcio. Il difensore - di belle speranze - classe '98 ha deciso di lasciare la Lazio, nella quale ha fatto la trafila delle giovanili arrivando fino alla Primavera, e di volare negli Stati Uniti per proseguire i propri studi. A spiegare i motivi di questa sua scelta ci ha pensato lo stesso giocatore attraverso un lungo post pubblicato sul proprio profilo di 'Facebook':

"Dopo 10 anni di sacrifici lascio il calcio. Ci tengo a chiarire che non ho avuto nessuna divergenza con l’allenatore come è stato scritto, anzi il mister è sempre stato onesto con me. Lascio perché sinceramente questo non è più lo sport di cui mi sono innamorato da bambino. Non vedo che senso abbia giocare nella Lazio Primavera e essere circondato da stranieri, e non solo, essere trattato pure come una m****, dopo tutti i sacrifici che ho fatto.

Finché si tratta di rinunciare agli studi, agli amici, alle ragazze, è tutto accettabile perché ho un sogno, e il mio sogno viene prima di tutto. 

Non ho mai giocato a calcio per i soldi ma solo per la felicità di far parte di un gruppo di amici che lottano per un obiettivo comune, ho giocato a calcio per il desiderio di poter dire c**** ce l'ho fatta, sono arrivato. La Serie A è piena di stranieri, il calcio degli italiani è morto, e sinceramente se devo essere trattato come uno straniero in patria preferisco andarmene. È vero, negli USA il calcio è anni luce indietro, ma almeno ha un briciolo di dignità, quella che noi abbiamo perso.

Per tutti quelli che sono arrivati fino a qua e che amano il calcio, un consiglio da chi l'ha vissuto da dentro: non andate allo stadio, non comprate gli abbonamenti tv, perché è tutto finto… Quando Lombardi è entrato e ha segnato con l'Atalanta mi sono emozionato, un ragazzo italiano che corre e suda per la maglia, questo è quello che dovremmo vedere sempre, ma probabilmente adesso non giocherà più, per far spazio ai tanti stranieri.La foto è con Luca Borrelli, uno dei pochi amici italiani del gruppo degli Allievi rimasti in Primavera. Che enorme tristezza…".

D.G.




Commenta con Facebook