• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, la coperta a metà campo è corta: partono le sperimentazioni?

Roma, la coperta a metà campo è corta: partono le sperimentazioni?

Spalletti può fare affidamento solamente su De Rossi, Strootman, Nainggolan, Paredes e Florenzi


Luciano Spalletti ©Getty Images

01/09/2016 10:45

ROMA NUOVE IDEE CENTROCAMPO / ROMA - Vainqueur ha salutato, ma il sostituto in casa Roma non è più arrivato. Wilshere ha preferito restare in Inghilterra, Rincon è rimasto al Genoa, Grenier e Flamini non convincevano del tutto e Belhanda veniva considerato pù un trequartista che non un mediano. Negli ultimi istanti del calciomercato, poi, si sono fatti anche i nomi di Maher (PSV), Fernando (Manchester City) e Lucas Leiva (Liverpool) ma alla fine il tutto si è risolto in un nulla di fatto.

Ecco quindi che Spalletti si ritrova con una coperta cortissima in mediana: i centrocampisti puri in rosa sono solamente cinque, ossia De Rossi, Strootman, Nainggolan, Paredes ed il 'tuttofare' Florenzi. Il tecnico giallorosso sta lavorando da questa estate su Gerson per 'trasformarlo' da fantasista a mezzala, ma il brasiliano sembra essere ancora troppo acerbo. Le soluzioni al momento sono limitate: o un cambio modulo (attualmente Spalletti sta puntando sul 4-3-3) o adattare qualche giocatore in un ruolo diverso. In questo secondo caso le sperimentazioni possono essere molteplici: piazzare Vermaelen davanti la difesa a fare da frangiflutti, sfruttare la dinamicità di Bruno Peres e piazzarlo come mezzala (stile Florenzi) oppure arretrare una punta nello stesso ruolo. Qui gli indiziati principali possono essere due: Perotti, in virtù della sua eccellente intelligenza tattica, e El Shaarawy, che potrebbe essere il modo anche di rilanciarlo. A Spalletti il compito di risolvere questo annoso problema.

D.G.




Commenta con Facebook