• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-PORTO

PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-PORTO

Psicodramma Roma: subito sotto, i giallorossi giocano in 9 dal 50': espulsi De Rossi ed Emerson


De Rossi ©Getty Images
Lorenzo Bettoni @lorebetto

23/08/2016 22:40

ECCO LE PAGELLE DI ROMA-PORTO:

 

ROMA

Szczęsny 4 – Uscita folle su Layun che segna a porta vuota la rete che chiude la gara. Senza senso.

Manolas 5 – Entra nel vortice di paranoie creato dal resto della difesa giallorossa. Il tonfo definitivo glielo fa fare Corona: doppio passo al limite e palla all’incrocio: fine del sogno.

De Rossi 3 – La grafica della UEFA lo segnala centrale in una difesa a quattro. Di fatto fa il Bonucci della Roma, perno di una difesa a tre, ma il suo impiego non dà i frutti sperati. Al 40’ si va di male in peggio: si allontana dall’area, sbaglia un passaggio e per recuperare entra col piede a martello su Maxi Pereira: rosso diretto, la storia si ripete.

Juan Jesus 4 - Perde Felipe dietro di sé e il centrale del Porto insacca l’uno a zero.

Bruno Peres 5 – Soltanto un cross messo dentro. I raddoppi continui di Otavio lo mettono molto in difficoltà. Nel secondo tempo sparisce.

Strootman 5,5 – Cresce nella ripresa cercando di dare ordine a una squadra che di ordinato ha avuto poco. Troppo poco però nel primo tempo. Non basta.

Paredes 4,5 – Sente terribilmente il peso della partita. Gioca con la paura di sbagliare e infatti sbaglia spesso, anche le cose più semplici. Quando De Rossi viene espulso è lui ad essere sacrificato. Dal 42’ Emerson Palmieri 3 – Se l’intervento di De Rossi è una follia, il suo è un suicidio puro. Entrata killer sulla caviglia di Corona: roso diretto, giusto anche questo. Era costato il pari all’andata, condanna parzialmente la Roma anche al ritorno.

Nainggolan 6 - Scalda subito i guantoni di Casillas e nonostante la frenesia non perde mai la testa anche quando i suoi perdono la bussola. E’ l’unico a prendersi gli applausi dell’Olimpico.

Perotti 5 – Approccia qualche dribbling, ma di fatto non attacca mai la porta. Dall’ 86’ Gerson s.v.

Salah 5 – Ha la palla gol più importante della partita: palla centrale che finisce sui piedi di Casillas.

Džeko 4,5 – Grande e grosso ma sembra fragile come il burro. Gioca in punta di piedi, non ci mette mordente e quasi ritira la testa sull’unico cross decente di Bruno Peres. Beccato dal pubblico nel primo tempo.  Dal 59’ Iturbe 5 – Danilo gli porta via palla ad una delle prime accelerazioni e lui si intristisce subito, sparendo dai radar immediatamente.

All. Spalletti 4 – Anche lui ci mette del suo. Ripete lo stesso errore di De Boer passando inopinatamente dal 4-3-3 ad un 3-5-2 con De Rossi in mezzo alla difesa ed un improponibile Juan Jesus. I suoi, poi, ci mettono il nervosismo e la gara dura di fatto 40 minuti. Molti dubbi sulla scelta di inserire Iturbe al posto di El Shaarawy a gara in corso. Altra italiana a casa, negli ultimi sette anni solo il Milan di Allegri è uscito indenne dai preliminari di Champions.

PORTO

Casillas 6,5 - Parte subito con un buon intervento su Nainggolan, il livello di difficoltà si alza sul finale del primo tempo quando respinge di piede la conclusione di Salah, il resto è ordinaria amministrazione.

Pereira 6 – Limita le discese di Perotti, prende il calcione che costa l’espulsione a De Rossi ed esce per un problema muscolare. Dal 46’ Layun 7 - Spinge più di Pereira, ma quando lui è dentro il Porto ha un uomo in più. Anticipa Perotti pronto a segnare l’1-1 e segna la rete che chiude la gara.

Felipe 7 - Sblocca la partita dopo una manciata di minuti, riscattando l’autogol dell’andata. Sempre aggressivo fino all’espulsione di De Rossi, poi mette il pilota automatico.

Marcano 6,5 - Ordinaria amministrazione, gestisce Dzeko senza problemi.

Telles 6,5 - Irriconoscibile rispetto ai tempi dell’Inter, non spingerà come un forsennato ma almeno è attento dietro. In coppia con Otavio concede quasi nulla a Bruno Peres.

Herrera 7 - Ex oggetto dei desideri del Napoli. Dovrebbe essere un mediano, ma è dinamico come una mezz’ala. Sfiora il 2-0 al termine del primo tempo

Danilo 6,5 - Sradica palloni a ripetizione. Herrera ci mette la testa, lui la forza.

Corona 7,5 - Bene nelle due fasi. Emerson mette a dura prova la tenuta della sua caviglia con un intervento killer. Sul 2-0 il killer lo fa lui ubriacando Manolas e segnando il definitivo 3-0.

André  André 6,5 – Prezioso pendolo tra centrocampo e attacco.

Otávio 7 - Suo il calcio di punizione che Felipe traduce nel vantaggio ospite. Gara di quantità e qualità. E’ il primo a contrastare Bruno Peres che alcune volte lo salta, lui però non molla mai un centimetro e rincorre sempre il brasiliano non rendendo facile nessuna giocata. Spreca la palla del 2-0 prima di uscire. Dal 56’ Oliveira 6,5 – La squadra non perde vivacità con lui in campo.

André  Silva 6 – Non calcia molto, ma tiene impegnati i difensori di Spalletti. Ammonito per perdita di tempo all’uscita dal campo. Dal 66’ Adrian Lopez 6 – Mette minuti nella gambe, poco più.

All. Espirito Santo 7 – Trova subito il vantaggio con Felipe, poi la Roma fa tutto da sola e lui deve solo raccogliere i frutti degli errori giallorossi.

Arbitro: Szymon Marciniak 6,5 – Ci vuole coraggio per dare due rossi diretti in 50 minuti. I falli, però, sono clamorosi ed entrambe le espulsioni sono corrette. I giallorossi devono rifarsela solo con sé stessi.

 

TABELLINO

ROMA-PORTO 0-3

ROMA (3-5-2): Szczęsny; Manolas, De Rossi, Juan Jesus; Bruno Peres, Strootman, Paredes (dal 42’ Emerson Palmieri), Nainggolan, Perotti (dall’ 86’ Gerson); Salah, Džeko (dal 59’ Iturbe). A disp.: Alisson; Fazio, El Shaarawy, Totti. All.: Spalletti.

PORTO (4-2-3-1): Casillas; Pereira (dal 46’ Layun), Felipe, Marcano, Telles; Herrera, Danilo; Corona, André André, Otávio (dal 56’ Oliveira); André Silva (dal 66’ Adrian Lopez). A disp.: Sá, Ewandro, Neves, Varela. All.: Espírito Santo.

Arbitro: Szymon Marciniak (Polonia).

Marcatori: 8’ Felipe (P), 73’ Layun (P), 75’ Corona (P)

Ammoniti: 14’ Herrera (P), 30’ Otavio (P), 57’ Oliveira (P), 90’ Gerson (R)

Espulsi: 40’ De Rossi (R), 50’ Emerson Palmieri (R)

 




Commenta con Facebook