• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, rivoluzione de Boer: Joao Mario e Banega jolly. Brozovic via?

Calciomercato Inter, rivoluzione de Boer: Joao Mario e Banega jolly. Brozovic via?

Il tecnico olandese darà un nuovo volto al centrocampo: è da lì che nascerà la sua nuova Inter


Frank de Boer ©Getty Images
Jonathan Terreni

12/08/2016 11:59

CALCIOMERCATO INTER DE BOER JOAO MARIO / MILANO - C'è tanta curiosità per vedere che forma prenderà la nuova Inter targata Frank de Boer. Il tecnico olandese si è buttato in un'avventura rischiosa e difficile ma anche irrinunciabile: sintomo di carattere. A lui l'arduo compito di risollevare una squadra e un ambiente costernato da mille dubbi, polemiche e incertezze, in un'estate bollente più che mai. L'ex tecnico dell'Ajax non attuerà rivoluzioni tattiche, almeno per i primi mesi. Osare poco, meglio agire sulla testa e sull'atteggiamento in campo. Ovvio però che de Boer cercherà di far recepire alla squadra i suoi capisaldi e la sua filosofia di gioco con il poco tempo a disposizione. La nuova Inter di de Boer nascerà dal centrocampo. Il calciomercato potrebbe regalare il gran colpo Joao Mario. Lui e Banega saranno i jolly della mediana che rischia però di perdere Brozovic nell'ottica del fair-play finanziario. Kondogbia atteso alla consacrazione.

NUOVA MEDIANA: JOAO MARIO E BANEGA I JOLLY

Il fulcro del gioco di de Boer si svilupperà in mediana. Per questo il tecnico nerazzurro sta studiando, assieme alla società, le prossime mosse di calciomercato Inter. Vuole capire di cosa c'è bisogno: un mediano puro, una mezzala o un trequartista. In attesa di vederla sul campo però l'Inter deboeriana la possiamo immaginare così. La difesa sarà la solita, così come l'attacco, a meno di colpi di scena sul fronte Icardi, sul quale vi abbiamo fatto il punto in esclusiva. Candreva e Perisic le frecce sugli esterni (e magari Gabigol). Visto che de Boer predilige il possesso palla e le geometrie in velocità non è da escludere l'arretramento di Banega a perno di centrocampo. Si perderebbe qualità sulla trequarti, è vero, ma ne godrebbe di più l'azione in fase di costruzione. Per questo l'Inter  in queste intense ore di calciomercato sta puntando fortissimo su Joao Mario, uno che a centrocampo può ricoprire tutti i ruoli, all'occorrenza anche sulle corsie laterali. Il portoghese campione d'Europa è un vero jolly e può alzare ulteriormente il livello tecnico. Non è da escludere neanche l'opzione con Banega e Joao Mario ai fianchi della diga Kondogbia in un centrocampo a tre. Ma de Boer si adatta benissimo alla conformazione della rosa ed è anche per questo che è stato scelto. Può schierarsi anche col 4-2-3-1 anche se in questo caso servirebbe più un osso duro a fare schermo assieme a 'Kondo'; uno alla Luiz Gustavo per intenderci, altro nome caldissimo. In questo caso Medel potrebbe essere aggregato al pacchetto difensori, prima alternativa al duo Miranda-Murillo


KONDOGBIA: ECCO PERCHE' CON DE BOER PUO' ESPLODERE

Senza dubbio questa è anche la stagione in cui i nerazzurri si attendono la definitiva consacrazione di Kondogbia. Il francese ha patito l'enorme pressione che avevano attirato i 35 milioni investiti su di lui la passata stagione dall'Inter. Non va dimenticato che è un classe 1993 ed è ancora molto giovane. Nella passata stagione ha iniziato male, spaesato e sterile. Ha finito in crescendo, facendo intravedere quelle doti per le quali può valere davvero quei soldi. de Boer con lui dovrà lavorare soprattutto sulla testa e in questo l'olandese è una garanzia. Sa come si gestisce un giovane come pochi altri. Dopo tutto ha vinto un campionato olandese con una squadra dall'età media di 22 anni. Kondogbia deve curare la parte tattica certo, ma quest'anno ha fatto tutta la preparazione alla grande e ad Appiano le voci dicono che fisicamente stia facendo la differenza. Non dovrà farsi prendere dal panico e affossarsi quando le cose non gireranno. Al contrario dovrà cavalcare l'onda quando la fiducia e l'autostima saranno consolidate.


QUALCUNO DEVE PARTIRE: BROZOVIC IL 'BIG' SACRIFICATO?

Se è vero che l'Inter è pronta a mettere sul piatto circa 45 milioni per Joao Mario è altrettanto vero che qualcuno, a malincuore, dovrà partire. Suning vuole rispettare i paletti del fair-play finanziario e se si spende bisogna anche rientrare, in un modo o nell'altro. Per questo, completata la rosa, ci sarà da accelerare il passo nel mercato in uscita. Il grande sacrificato al momento pare Marcelo Brozovic (il più 'simile' a Joao Mario) anche se per il croato non sono ancora arrivate offerte vere e proprie. Il tutto con l'ok di de Boer, al quale servirà ancora qualche giorno per fare le sue valutazioni. Un quadro più chiaro della situazione potremmo averlo già domani, dopo l'amichevole col Celtic. Con Brozovic i nerazurri conterebbero di incassare almeno 25 milioni e sondando magari l'interesse dell'Atletico Madrid, affievolito negli ultimi tempi. Per Brozovic si è parlato anche di Juventus ma difficile che i nerazzurri lo cedano alla grande rivale. Sempre a centrocampo si dovrà fare cassa con altri giocatori che sembrano non rientrare più nel progetto, su tutti Felipe Melo. Il brasiliano valuta un possibile ritorno in Turchia anche se l'agente ha sempre espresso la volontà del suo assistito di restare all'Inter. In uscita anche Bessa e Gnoukouri ma per loro si prospetta un prestito in cerca di uno spazio che al momento all'Inter non c'è. Attenzione anche all'altro croato Ivan Perisic: preso a 18 milioni di euro, può essere rivenduto quasi al doppio dopo appena una stagione. Le pretendenti, specie tra i top club che giocano la Champions League, non mancano di certo.




Commenta con Facebook