• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, da Maldini ad Albertini: Fassone riporta le bandiere

Calciomercato Milan, da Maldini ad Albertini: Fassone riporta le bandiere

Tutto dipenderà dalla scelta di Galliani di restare o meno


Marco Fassone ©Getty Images

10/08/2016 11:57

CALCIOMERCATO MILAN FASSONE / MILANO - Ancora da capire che tipo di stagione sarà quella 2016-17 per il Milan, che viene guidato da un tecnico molto apprezzato da Berlusconi, che avrà più le redini del club a breve. Si lavora per il domani, anche se un approdo in Europa nel presente troverebbe di certo il consenso di tutti. Sarà questo il compito di Montella, mentre in società c'è chi lavora per rinorzare l'apparato dirigenziale. 

Si tratta di Fassone, che dovrà scegliere i binari giusti per ripartire e, come riportato da 'La Gazzetta dello Sport', la scelta potrebbe ricadere su vecchie e amate bandiere rossonere. Si parla con insistenza di Paolo Maldini, Billy Costacurta e Demetrio Albertini. Ipotesi del genere erano state avanzate anche in passato, senza alcun risvolto concreto. Dopo il closing però ci sarà Fassone a ricoprire i ruoli di amministratore delegato e direttore generale, con Galliani che dovrà decidere se accettare una posizione da consulente. Se Galliani dovesse accettare, riporta la rosea, sarebbe difficile ipotizzare l'arrivo nel club di un ex amato dalla piazza. I problemi sarebbero principalmente due, difficoltà di margine operativo e compatibilità personale. 

Se il Milan dovesse optare per un netto cambio invece, Fassone potrebbe offrire ad Albertini l'incarico di direttore generale. In caso di ritorno di Maldini o Costacurta invece, si profilerebbe l'ipotesi club manager, che allettava Abbiati.

L.I.




Commenta con Facebook