• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Marina Berlusconi: "I 740 milioni andranno nelle casse Fininvest"

Milan, Marina Berlusconi: "I 740 milioni andranno nelle casse Fininvest"

La presidente di Mondadori è tornata sulla cessione del club rossonero


Silvio Berlusconi ©Getty Images

09/08/2016 22:05

MARINA BERLUSCONI VENDITA MILAN FININVEST / MILANO - La cessione ufficiale ai cinesi non avrà l'effetto di sbloccare il calciomercato del Milan, ma di giovare a tutte le controllate Fininvest. A confermarlo è Marina Berlusconi, presidente di Mondadori, in una lunga intervista rilasciata a 'Il Sole 24 Ore': "Ora siamo ancora più solidi - ha spiegato - E' stata una decisione molto difficile, quel che c'era da dire lo ha già detto mio padre. Indubbiamente avrà un impatto molto positivo. Da una parte i 740 milioni che incasseremo andranno a migliorare ulteriormente una situazione finanziaria già invidiabile, che vede un indebitamento di gruppo molto contenuto, inferiore al miliardo di euro, mentre la holding è addirittura ampiamente liquida. Dall'altra, non dovremo più far fronte a esborsi che avevano ormai raggiunto picchi di 100-150 milioni annui. Questa vendita rende Fininvest più solida".

Fino allo scorso dicembre - mette in evidenza il noto quotidiano economico - la Fininvest aveva una una posizione finanziaria netta negativa di 977 milioni, a fronte di ricavi complessivi per 4.9 miliardi e utili in sostanziale pareggio. Con la cessione del Milan al gruppo Sino-Europe Investment Management Changxing i 740 milioni della transazione avranno un impatto importante sull'indebitamento, mentre a livello consolidato Fininvest potrà contare su una plusvalenza di 564 milioni di euro. Numeri che colpiscono principalmente, e esclusivamente, la holding della famiglia Berlusconi andando ad escludere il club rossonero. Indicazione che lascia intendere come l'attuale azionista di maggioranza non ha intenzione di investire ulteriori fondi, in questa finestra di mercato, oltre ai 15 milioni della caparra versata alla firma del preliminare. Una situazione che colpisce direttamente il calciomercato MilanGalliani potrà muoversi in entrata solo attraverso la strada dell'autofinanziamento e dunque facendo cassa attraverso le cessioni di alcuni giocatori. E sotto questo profilo Carlos Bacca resta in pole.

D.G.




Commenta con Facebook