• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, abbondanza in difesa per Spalletti: con Vermaelen si gioca a tre?

Roma, abbondanza in difesa per Spalletti: con Vermaelen si gioca a tre?

Il tecnico ha a disposizione diverse soluzioni tattica da adottare in campionato e Champions


Thomas Vermaelen (Calciomercato.it)

09/08/2016 17:04

ROMA VERMAELEN DIFESA A TRE SPALLETTI/ ROMA - Memore della passata stagione, quando all'attacco più prolifico dela Serie A faceva da contrappeso una difesa perforata più del dovuto, la Roma si è rafforzata molto nel reparto arretrato, regalando a Luciano Spalletti tre centrali nuovi di zecca: Juan Jesus, Federico Fazio e Thomas Vermaelen. Gli ultimi arrivati completano un reparto che comprende anche Kostas Manolas e Antonio Rüdiger: quest'ultimo è alle prese con il recupero dall'infortunio, ma quando tornerà a disposizione, Spalletti avrà tra le mani cinque centrali di grande livello. Un'abbondanza che permetterà al tecnico di Certaldo di sbizzarrirsi, provando nuove soluzioni tattiche. Juan Jesus può giocare anche da terzino in una difesa a quattro, ma l'obiettivo di Spalletti è quello di poter provare, sia dall'inizio che a stagione in corso, anche la difesa a tre. Al 3-5-2 e al 3-4-3 ha lavorato anche l'anno scorso con risultati abbastanza positivi: il modulo adottato da Juventus e Nazionale, è stato provato da Spalletti anche nel corso dell'estate. Una soluzione che può trasformarsi in risorsa: Gli uomini ci sono, sia in difesa con Vermaelen perfetto per agire da regista arretrato (una posizione all'occorrenza ricoperta anche da De Rossi) che sulle fasce, con El Shaarawy e Florenzi che conoscono il modulo grazie ai due anni alle dipendenze di Conte in Nazionale. Un asso nella manica per Spalletti: per gestire tre competizioni, cambiare modulo è un lusso che poche squadre possono permettersi.

S.F.




Commenta con Facebook