• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Forchielli: "Qualcosa non torna, mancano tre firme. Galliani? Confermato e poi..."

Milan, Forchielli: "Qualcosa non torna, mancano tre firme. Galliani? Confermato e poi..."

Il presidente di 'Osservatorio Asia' ha evidenziato i propri dubbi in merito alla cessione


Silvio Berlusconi ©Getty Images

05/08/2016 21:22

CESSIONE MILAN FORCHIELLI CORDATA CINESE / MILANO - Nel giorno che dovrebbe passare alla storia del calcio italiano come quello della cessione del Milan a una cordata cinese, con Berlusconi che pone fine al proprio periodo di presidenza rossonera, Alberto Forchielli, presidente di 'Osservatorio Asia', ha parlato ai microfoni di 'Sky Sport', evidenziando tutti i dubbi in merito a questa trattativa, che ormai si protrae da tanto: "E' strano che dietro ci sia un fond dello stato cinese. Non so se ciò indichi un cambiamento, consentendo a gruppi statali di investire o se alla fine non si presenteranno alla firma, non avendo l'autorizzazione. Quanto firmato oggi deve avere la firma di almeno tre organi di stato, come la commissione dello sviluppo nazionale, la banca centrale di Cina e il ministero del commercio. A volte i cinesi si avventurano e poi salta fuori che non ottengono l'autorizzazione".

CORDATA - "Non cambia nulla sul fronte della cordata, dato che non si è mai saputo nulla. Anche quella precedente era anomala. E' tutto molto vago. Fosse vero, sarebbe un flagello gestionale, non sapendo nulla di calcio. Si tratta poi di un gruppo cino-taiwanese e non capisco come una cosa mista possa entrare nel Milan. E' inoltre totalmente investita in progetti infrastrutturali, non nello sport".

GALLIANI - "Inizialmente i cinesi confermano tutti, poi lentamente li mandano via. Difficile che si affidino a non cinesi".

L.I.

 




Commenta con Facebook