• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Scienza e tecnologia > Tecnologia, per WhatsApp incubo privacy e rischio truffe

Tecnologia, per WhatsApp incubo privacy e rischio truffe

La popolare app sta riscontrando alcuni problemi


iPhone 5S ©Getty Images

01/08/2016 15:36

TEWCNOLOGIA WHATSAPP PRIVACY TRUFFE / ROMA - Una delle app più popolari in Italia e nel mondo è senza dubbio WhatsApp: secondo quanto riporta 'ilmessaggero.it', tuttavia, non sono stati ancora risolti i problemi relativi alla mancata cancellazione definitiva delle conversazioni che gli utenti eliminano dalla chat. L'esperto di sicurezza su iOS Jonathan Zdziarski ha effettuato una serie di test su un iPhone, verificando che pezzi di testo restano nel database dell’app anche dopo l’eliminazione. Dei software pensati ad hoc sono in grado di recuperare anche intere conversazioni. Il problema è rappresentato da SQLite, il database che WhatsApp usa per gestire la cancellazione di testi e immagini. Tale problema non è risolvibile da Whatsapp.

PERICOLO TRUFFE - Come se non bastasse 'blastingnews.it' pone l'attenzione sul sempre maggiore pericolo di truffe su WhatsApp, che come per le email arrivano sempre tramite un messaggio contenente un link. Tantissimi utenti stanno ricevendo un messaggio con un testo che afferma che lo staff di WhatsApp ha riscontrato violazioni dei loro termini di servizio da parte dell'utente (il tutto firmato 'WhatsApp inc.), e che per evitare la cancellazione dell'account è necessario verificare l'account mediante un link da cliccare. Aprendo tale link si rischia di danneggiare irrimediabilmente lo smartphone, perdendo i dati e bruciando la scheda madre. C'è solo una cosa da fare in questo caso: cancellare il messaggio senza aprire il link.

A.C.




Commenta con Facebook