• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Poli: "Il tempo delle parole è finito!"

Milan, Poli: "Il tempo delle parole è finito!"

Il centrocampista rossonero ha lanciato anche una frecciatina a Mihajlovic


Andrea Poli ©Getty Images

26/07/2016 13:51

MILAN POLI OBIETTIVI STAGIONE / MILANO - Ripartire dalla fine. Questo è l'obiettivo del Milan che vuole rilanciarsi dopo diverse stagioni opache e che ha intenzione di utilizzare l'ultima finale di Coppa Italia con la Juventus come trampolino di lancio. Presente al Meet&Greet organizzato all'Adidas Store di Chicago, Andrea Poli - che mister Montella ha deciso di togliere dal calciomercato - ha fatto il punto sulle ultime news Milan ai microfoni di 'gazzetta.it': "Le 100 presente in rossonero? Sono davvero un bell'obiettivo e un bellissimo traguardo. Significa che nelle difficoltà ho risposto presente e che il mio senso di responsabilità è alto. Mihajlovic diceva che mi teneva in panchina perché rendo meglio quando entro a gara in corso? Ho sempre rispettato le sue decisioni, ma io lavoro per giocare dal primo minuto. E devo dire che fortunatamente in carriera sono state molto maggiori le presenze da titolare".

OBIETTIVI - "Lo scopo è stare un po' di più coi tifosi, condividere i momenti della vita in rossonero. Ultimamente è stata difficile, ma a tutti sono rimaste buone sensazioni dalla finale di Coppa Italia con la Juve. Uno spirito che bisogna riproporre, anche se con questa maglia addosso è qualcosa che dovrebbe venire automatico. Il tempo delle parole, però, è finito, occorrono i fatti sul campo. In questo periodo stiamo costruendo il gruppo, cercheremo di compattarci il prima possibile".

MONTELLA - "E' un calcio basato sul possesso palla, l’obiettivo è fare un gioco propositivo, cercando anche di divertirsi. E’ qualcosa che è mancato negli ultimi anni. Con lui comunque in allenamento ci si diverte, perché la sua filosofia è comandare il gioco, e quando lo comandi ti diverti. Intendiamoci, è una persona assolutamente seria sul lavoro: è un tecnico esigente e applicato. La cessione del club? Noi giocatori dobbiamo isolarci il più possibile, ma devo ammettere che c’è curiosità per capire come finirà la vicenda".

D.G.




Commenta con Facebook