• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Sampdoria, Ferrero: "Cassano ha accettato le nostre condizioni"

Sampdoria, Ferrero: "Cassano ha accettato le nostre condizioni"

Il patron doriano ha elogiato anche Giampaolo: "E' un professore di calcio"


Massimo Ferrero (Calciomercato.it)

23/07/2016 20:30

CALCIOMERCATO SAMPDORIA FERRERO CASSANO GIAMPAOLO / PONTE DI LEGNO - Direttamente dal ritiro della sua Sampdoria, il patron Massimo Ferrero ha avuto modo di parlare delle principali tematiche di calciomercato del club doriano. Queste le sue parole ai cronisti presenti: "Sta nascendo una Sampdoria con uno stile. Questo è il mio terzo anno e sta nascendo una Samp ambiziosa come il suo presidente. Alcuni direbbero: speriamo bene. Io non lo dico perché chi spera vive, chi è disperato muore".

CASSANO - "Io penso che ci sia stato un misunderstanding riguardo a Cassano. Non è che Cassano mi ha convinto, sappiamo tutti che talento sia. Semplicemente ha accettato le nostre condizioni. Il problema è solo uno: quest’anno non voglio nessun disturbo né opposizione. Voglio che questo sia un orologio perfetto, a partire dal presidente. E non possiamo sbagliare. A Cassano ho detto che secondo me avrebbe giocato poco. E lui ha risposto che sarebbe stato a tutte le regole. È molto ostinato, si sa che è un grande giocatore, il suo talento lo conosciamo. Ma non è che mi ha convinto, rimango della mia idea. Non ce l'ho certo con Cassano, anche se penso che il progetto è il progetto".

GIAMPAOLO - "I ragazzi sono molto soddisfatti di Giampaolo, è una persona che merita grande rispetto: un uomo di carattere e che conosce il lavoro. È un pelino in più di un allenatore di calcio, è un professore di calcio. Io sono veramente felice di averlo scelto e la squadra è molto contenta. Lui non mi ha richiesto nessuno, ma mi ha chiesto una cosa: presidente, io voglio allenatore e insegnare calcio a dei ragazzi. Non ho nulla contro i trentenni, ma tiriamo fuori questi giovani che forse è meglio".

D.G.




Commenta con Facebook