• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Salute, dalla micosi alle punture: le 10 malattie dell’estate e i consigli per prevenirle e affron

Salute, dalla micosi alle punture: le 10 malattie dell’estate e i consigli per prevenirle e affrontarle

I malanni più diffusi della bella stagione colpiscono soprattutto i bambini


Al mare (Getty Images)

20/07/2016 13:48

SALUTE MALATTIE TIPICHE DELL’ESTATE / ROMA - Quali sono le malattie estive? Come prevenirle e come affrontarle? Susanna Esposito, presidente dell’Associazione mondiale Waidid per le malattie infettive e i disordini immunologici e direttore dell’unità di Pediatria del Policlinco di Milano, ha elencato le malattie tipiche dell’estate come i colpi di sole e colpi di calore, le infezioni cutanee e le allergie da punture d’insetto insieme ai consigli per prevenire e curare questi malanni di stagione. 

1. Colpi di sole e colpi di calore: il primo è legato all'esposizione diretta ai raggi solari e si manifesta con la febbre sopra i 38 gradi, il secondo può capitare quando la temperatura esterna è molto alta e il corpo non riesce a disperdere calore a sufficienza. Per prevenirli bisogna evitare l’esposizione prolungata al sole, soprattutto nelle ore più calde della giornata.

2. Infezioni della pelle: la batterica più comune è l’impetigine. Colpisce i bambini e il rischio di prenderla aumenta se la sabbia o l'acqua del mare sono sporche. Causa vescicole o bolle che spariscono nel giro di pochi giorni. Nelle forme più lievi sono sufficienti l'uso di antibiotici topici da applicare due-tre volte al giorno e un trattamento locale con antisettici, quando le lesioni sono più estese o profonde esistono farmaci specifici che devono essere prescritti dal pediatra.

3. Le micosi da piscina: quelle delle dita di piedi e mani è un'infezione contagiosa favorita dal contatto diretto in luoghi pubblici affollati o caratterizzati dalla scarsa igiene. Si cura con creme a base di sostanze anti-micotiche da applicare due volte al giorno per almeno quindici giorni. Per prevenire questo tipo di infezioni è consigliato l’utilizzo di ciabattine di plastica a bordo piscina, nella doccia e negli spogliatoi, teli, asciugamani e spazzole devono essere personali.

4. Allergia da punture di insetto: ce ne sono diverse, da api e vespe a zanzare. Le reazioni più comuni sono arrossamento, gonfiore nella zona, fastidio o dolore, in alcuni casi può anche salire la febbre e subentrare un malessere. Generalmente è sufficiente trattare la zona con una pomata a base di antistaminici e, se ci sono febbre e molto dolore, basta un normale antifebbrile come paracetamolo o ibuprofene.

5. Punture di meduse e tracine: le punture da medusa provocano dolore bruciante e prurito intenso, sulla pelle un eritema e a volte una bolla. Quelle da tracina (pesci che si trovano sotto la sabbia, vicino alla riva) causano invece dolore intenso che può durare alcune ore e il punto del pizzico risulta arrossato e gonfio. Dopo una puntura di medusa è necessario disinfettare subito con acqua di mare e poi con bicarbonato, medicando a seguire con un gel a base di cloruro d’alluminio. Nel caso di puntura da tracina bisogna mettere subito il piede sotto la sabbia calda o tamponare con acqua bollente perché il calore lenisce il dolore. Non usare ammoniaca, limone, aceto, o alcol, non strofinare o grattare, non utilizzare pinzette per rimuovere eventuali frammenti di tentacoli, non disinfettare con acqua dolce, troppo fredda o ghiaccio.

6. Gastroenterite: può causare una grave disidratazione. In estate in genere è di origine infettiva ed è dovuta a virus come Rotavirus, Norovirus, Adenovirus e a batteri come Escherichia coli, Salmonella, Shigella e Campylobacter.

7. Diarrea: può essere causata dall’Escherichia coli e da alcuni parassiti come Giardia, Entamoeba histolytica, Cryptosporidium, diffusi soprattutto nelle mete esotiche. La causa principale è l’acqua e i cibi contaminati dalle feci.

8. Epatite A: si trasmette per via oro-fecale e i principali “responsabili” sono i frutti di mare non adeguatamente cotti. Per proteggere i più piccoli in vacanza in Stati in cui l’epatite A è endemica (Paesi a basso sviluppo socio- economico) è consigliata la vaccinazione.

9. Salmonella: si tratta di un batterio endemico in alcuni Paesi come l’Asia. Il veicolo principale di trasmissione è rappresentato da prodotti di origine animale come uova e pollame) e, raramente, da altri cibi (frutta, verdura, cereali, oppure da acqua) contaminati da animali infetti.

10. Stafilococco: è responsabile di intossicazioni alimentari. Evitare crostate, la pasticceria ripiena di crema, il latte, la carne lavorata e i pesci potenzialmente contaminati come molluschi e mitili crudi; questi cibi rappresentano un ottimo terreno di coltura del batterio e delle tossine prodotte. Meglio scegliere cibi leggeri, con pasti piccoli e frazionati.

S.C.




Commenta con Facebook