• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Inter, Joao Mario: un tuttocampista per Mancini

TATTICA DEL MERCATO - Inter, Joao Mario: un tuttocampista per Mancini

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sul centrocampista dello Sporting CP


Joao Mario ©Getty Images
Maurizio Russo

07/07/2016 13:30

TATTICA DEL MERCATO INTER JOAO MARIO SPORTING CP / MILANO - L'arrivo del gruppo cinese Suning comporterà una nuova rivoluzione sul calciomercato Inter? E' ancora presto per dirlo, ma i nuovi proprietari sembrano avere le idee chiare: vogliono riportare il club nerazzurro in alto il più presto possibile puntando su giocatori giovani dal sicuro talento da mettere a disposizione di Roberto Mancini. In tale ottica si registra un'accelerata da parte dell'Inter per Joao Mario, eclettico centrocampista classe 1993 dello Sporting CP protagonista in Nazionale con il suo Portogallo giunto in finale di Euro 2016. Conosciamo meglio il giocatore attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.


BIOGRAFIA DI JOAO MARIO, OBIETTIVO DELL'INTER PER IL CENTROCAMPO

Joao Mario Naval Costa Eduardo, meglio noto come Joao Mario, nasce a Porto, in Portogallo, il 19 gennaio 1993. Ad appena 9 anni entra a farte del settore giovanile dei 'Dragoni', ma nel 2004 si trasferisce allo Sporting CP dove fa tutto il percorso del settore giovanile. Nella stagione 2011-12 esordisce in prima squadra in un match di Europa League giocando 14 minuti contro la Lazio. La stagione successiva viene aggregato alla formazione B, ma fa anche la sua prima apparizione nel campionato lusitano nel febbraio 2013 contro il Maritimo. A gennaio 2014 viene girato in prestito al Vitoria Setubal, poi l'annata successiva torna alla base per giocare titolare. Vince la Coppa di Portogallo e la Supercoppa portoghese segnando in totale 14 gol in 92 presenze. 

Joao Mario ha vestito le maglie di tutte le Nazionali giovanili portoghesi: dall'Under 15 all'Unter 21. Ha esordito con la selezione maggiore nell'ottobre 2014 in amichevole contro la Francia. Viene inserito dal ct Santos nell'elenco dei 23 per Euro 2016, dove gioca tutte le partite del girone (una da subentrante), oltre agli ottavi, ai quarti e alla semifinale. 


CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI JOAO MARIO

Alto 1,79 per 72 kg, fisico asciutto, destro naturale. Joao Mario è uno dei numerosi talenti che sforna la scuola lusitana. Il suo ruolo naturale è quello di mezz'ala in un centrocampo a tre, ma si destreggia molto bene anche da esterno destro d'attacco. Ecco perché può adattarsi benissimo a sistemi di gioco quali il 4-3-3 ed il 4-2-3-1. Centrocampista moderno e dinamico, dall'ottima visione di gioco e dalla prolifica capacità di inserimento con o senza palla. Fisicità e corsa sono tra le sue peculiarità principali, tanto che in molti lo paragonavano al brasiliano Ramires ex Chelsea. Se non fosse che soprattutto nell'ultima stagione e nell'Europeo in corso ha agito prevalentemente da ala. Dribbling, velocità e cross ne fanno una perfetta macchina da assist.


JOAO MARIO E' UN GIOCATORE ADATTO ALL'INTER?

Non è un mistero che Roberto Mancini stia cercando esterno offensivi per la sua nuova Inter. Al tempo stesso il tecnico jesino vorrebbe avere ulteriori rinforzi sulla linea mediana oltre a Banega. Il che vuol dire che con Joao Mario i nerazzurri potrebbero prendere due piccioni con una fava. Resta il dubbio su come possa ambientarsi in un calcio molto più tattico come quello italiano: già in passato - Quaresma docet - il club meneghino è rimasto 'scottato' dagli acquisti fatti in Portogallo. Senza dimenticare due aspetti fondamentali: da un lato la concorrenza del Paris Saint-Germain, dall'altro le richieste dello Sporting CP, pronto a rifiutare i 25 milioni di euro che l'Inter vuole mettere sul piatto nella speranza che possa scatenarsi un'asta sul calciomercato e di incassare l'intera clausola di rescissione fissata a 45 milioni.




Commenta con Facebook