• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Quaresma: il dodicesimo uomo... della provvidenza

I CRAQUE DEL MOMENTO - Quaresma: il dodicesimo uomo... della provvidenza

L'ala del Portogallo ancora decisiva ad Euro 2016


Quaresma © Getty Images
Maurizio Russo

01/07/2016 13:20

I CRAQUE DEL MOMENTO PORTOGALLO QUARESMA / MARSIGLIA (Francia) - Si può vincere un Europeo senza aver vinto nemmeno una partita entro i 90 minuti regolamentari? Tecnicamente sì ed il Portogallo pare proprio intenzionato a riscrevere la storia. Dopo essere stata ripescata tra le migliori terze grazie a tre pareggi in altrettanti incontri in un girone che sulla carta era il più semplice di Euro 2016, la Nazionale lusitana se l'è vista agli ottavi di finale con la Croazia: ennesimo pari nei tempi regolamentari e, quando ci si attendevano ormai i rigori, la fiammata di Riccardo Quaresma ha permesso ai rossoverdi di passare il turno. Tempi supplementari che non sono bastati invece nei quarti contro la Polonia: situazione di pareggio dopo 120 minuti e poi trionfo dal dischetto con cinque realizzazioni dagli undici metri su cinque tentativi ed il penalty decisivo trasformato ancora una volta da Quaresma.

DODICESIMO UOMO - Chi segue il basket conosce bene la figura del sesto uomo: un giocatore che non fa parte del quintetto titolare ma che comunque entra sempre in campo. Ebbene Riccardo Quaresma si sta ritagliando questo ruolo nel Portogallo. A parte il match contro l'Austria, infatti, l'ala lusitana è sempre partita dalla panchina per poi entrare in corsa e dare il suo contributo. Essendo più fresco degli altri, il 'Trivela' può sfruttare le sue caratteristiche per far male alle difese avversarie con la sua velocità, i suoi dribbling ed i suoi cross. Nelle ultime due gare, poi, Quaresma ha dimostrato anche senso del gol facendosi trovare al momento giusto nel posto giusto contro la Croazia e grande freddezza mettendo a segno il rigore decisivo contro la Polonia che è valso la qualificazione alla semifinale di Euro 2016.

MONTAGNE RUSSE - La carriera di Ricardo Quaresma, sin dagli albori, somiglia ad una corsa sulle montagne russe. Nei sedici anni di carriera da professionista è stato considerato tante volte un grande acquisto quante volte un flop di calciomercato. Appena 18enne titolare nello Sporting Lisbona, viene acquistato dal Barcellona dove resta una sola stagione. Si rilancia alla grande nel Porto guadagnandosi la chiamata di Mourinho all'Inter dove si presenta con una mezza doppietta, ossia propizia due autoreti, prima di essere prestato al Chelsea e di fare qualche comparsa nell'anno del Triplete. Prova l'avventura in Turchia una prima volta col Besiktas senza strafare, poi negli Emirati Arabi con l'Al-Ahli prima di tornare al Porto (con cui riconquista la Nazionale dopo oltre due anni) e poi nuovamente al Besiktas, dove contribuisce a vincere lo scudetto.




Commenta con Facebook