• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Germania-Italia, De Sciglio: "Lavoriamo sui loro punti deboli"

Germania-Italia, De Sciglio: "Lavoriamo sui loro punti deboli"

Il difensore: "Nel 2006 distrussi casa al gol di Grosso"


Mattia De Sciglio ©Getty Images
Mario D'Amiano

30/06/2016 14:50

EURO 2016 GERMANIA ITALIA DE SCIGLIO / PARIGI (Francia) - Pochi giorni al big match di Euro 2016 tra Italia e Germania. Mattia De Sciglio, che  molto bene ha fatto fino ad ora, commenta in conferenza stampa le difficoltà del prossimo impegno. Calciomercato.it vi offre le dichiarazioni del calciatore.

GERMANIA - "Stiamo cercando di prepararla al meglio, sarà una partita più difficile rispetto a quella con la Spagna. Loro sono campioni del Mondo in carica, ma noi siamo fiduciosi sulle nostre qualità. Dobbiamo lavorare sui loro punti di debolezza. Loro attaccano con molti giocatori, dovremo tenere altissima la concentrazione quando fraseggeranno al limite dell'area e ripartire bene".

PUNTI DEBOLI - "Stiamo lavorando sui loro punti deboli. Stiamo vedendo molti video per preparare al meglio questa partita e per vedere bene come andarli a pressare o come aspettarli. In fase di possesso nostro troveremo il modo di metterli in difficoltà come abbiamo fatto con la Spagna".

FIDUCIA RITROVATA - "Conte mi ha aiutato sicuramente tanto perché mi ha sempre fatto sentire la sua fiducia convocandomi anche in mesi in cui non rendevo al meglio. Lui mi faceva sentire parte di questa squadra. Mi ha aiutato molto così come tutto il gruppo. Insieme riusciamo ad esaltare le qualità di ognuno di noi".

FERITA AL VOLTO - "Questa cicatrice mi farà tornare sempre in mente il periodo che ho passato e come l'ho superato. Anziché fare un tatuaggio avrò questa cicatrice come ricordo di quello che ho trascorso".

DISCORSO PREPARTITA - "Non mi è ancora capitato di farlo, le cose da dire quando stai per uscire in campo devono venire dal cuore e devono essere motivanti per tutta la squadra. Dobbiamo metterci tutte le forze che abbiamo. Affrontiamo i campioni del Mondo ma se giochiamo di squadra possiamo dargli fastidio".

UNICO MILANISTA IN NAZIONALE - "Montolivo si è fatto male praticamente due giorni prima delle convocazioni. Probabilmente Conte avrebbe deciso di convocare anche lui. Anche Antonelli si è infortunato nelle ultime settimane pre convocazioni. E' un motivo di orgoglio per me essere qui, sto cercando di fare il meglio che posso anche per tenere alti i colori rossoneri in Nazionale".

SPAGNA - "Credo di aver fatto una buona prestazione come tutta la squadra. Credo sia stata una delle migliori partite che abbiamo fatto se non la migliore. Sulla carta, come la Germania, loro erano più forti: abbiamo dimostrato che è il campo a parlare! Faremo di tutto per ripeterci contro la Germania. Fisicamente loro sono messi meglio rispetto alla Spagna, ci sarà da soffrire ma se entriamo determinati possiamo giocarcela benissimo".

FELICITA' CALCISTICA - "Credo che il cambiamento mio sia iniziato con la maglia del Milan nell'ultimo periodo. Ora sicuramente mi sto sentendo molto bene ma lo sto vivendo con grande equilibrio. Ho provato sulla mia stess apelle che per la gente un giorno sei un campione e quello seguente sei scarso. Ora mi sto concentrando sulla gara di sabato e sul lavoro quotidiano".

CENTROCAMPO - "Ci sentiamo pronti, siamo consapevoli del nostro valore e delle nostre qualità. Sappiamo che siamo una squadra di 23 calciatori che valgono. Abbiamo assenze importanti ma ci saranno calciatori altrettanto bravi che riusciranno a rimpiazzarli".

DIFESA TEDESCA - "Anche loro hanno calciatori molto forti e di esperienza a livello internazionale. Noi però abbiamo i tre calciatori della Juve che dimostrano in ogni partita il loro affiatamento: si conoscono alla perfezione. Durante la gara guidano la squadra e danno indicazioni a tutti i compagni. Non a caso in Italia vincono da cinque anni".

MONDIALE 2006 - "Avevo 14 anni e guardavo il Mondiale a casa di amici. Ricordo una gara molti tirata che fu sbloccata dal gol di Grosso. Ricordo che avevamo quasi distrutto casa per l'esultanza (ride, nrd). Quella di 4 anni fa, invece, la vidi in vacanza a Ibiza. Già stava iniziando la generazione di calciatori giovani che oggi giocano titolari".

EMOZIONI - "Sarà una grandissima emozione giocare un quarto di finale di un Europeo contro la Germania. E' la mia prima partita a questi livelli, cercherò di fare il massimo e aiutare la squadra nel miglior modo possibile".

VINCERE L'EUROPEO - "Stiamo pensando a partita dopo partita. Conte ci trasmette la sua cattiveria agonistica: lottare su ogni palla è una cosa che dobbiamo fare perché non abbiamo grandi fuoriclasse come le rivali. Senza individualità, serve un lavoro di squadra".

CONTE - "La sua voglia di guidare la squadra ci aiuta. Se potesse entrerebbe in campo al nostor fianco. Credo sia questa la cosa che balza agli occhi di tutti".




Commenta con Facebook