• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Germania-Italia, Müller: "Mi piacciono gli Azzurri. Ho fiducia, resteremo qua"

Germania-Italia, Müller: "Mi piacciono gli Azzurri. Ho fiducia, resteremo qua"

L'attaccante tedesco ha parlato della sfida in programma sabato con la Nazionale di Conte


Thomas Müller © Getty Images

30/06/2016 10:01

GERMANIA-ITALIA INTERVISTA THOMAS MüLLER LA GAZZETTA DELLO SPORT / EVIAN (Francia) - L'edizione odierna de 'La Gazzetta dello Sport' propone le dichiarazioni del calciatore della Germania Thomas Müller in vista dei quarti di finale di Euro2016 contro l'Italia. Calciomercato.it vi propone i passaggi salienti sulle ultime news Italia a poco più di 48 ore dalla partita che regalerà il pass per la semifinale degli Europei in Francia.

ZERO GOL - "Non conta chi segna. Non voglio essere un capocannoniere senza titolo. Non divento matto per rincorrere il gol, ho sempre segnato".

LA SFIDA CON LA JUVE IN CHAMPIONS LEAGUE - "Il 2-2 di Monaco, che ci ha portato ai supplementari e alla qualificazione, era una palla alta: l’ho colpita e infilata. E poi sono corso verso la curva, senza guardare Buffon".

BUFFON+BBC DI JUVE E ITALIA - "Si nota come si intendono con un’occhiata. Tutti sono superabili. Si può battere il migliore portiere del mondo, si può sconfiggere la miglior squadra del mondo. Però si può perdere, come è successo a noi nel passato contro gli azzurri".

HUMMELS-BOATENG - "Ti danno sicurezza, si completano, fanno tanto per la squadra. Ma ciò non significa che possiamo lasciare andare gli avversari cinque volte verso di loro. E poi c’è la regia di Neuer dietro, formano un reparto fondamentale".

GERMANIA-ITALIA - "Si affrontano due squadre brillanti finora, ma dura, equilibrata, calda. Noi abbiamo classe e compattezza, non possiamo avere paura di nessuno. E a me piace affrontare l’Italia. Sono tipi giusti, veri sportivi. Quelli con cui prima e dopo la partita puoi scherzare, discutere, ma al momento del contrasto non ti concedono nulla. Dicono che gli italiani fanno scena dopo i falli o parlano troppo con l’arbitro. Ma a me piacciono. Contro questa Italia si può anche perdere, lo sappiamo. Ma sono fiducioso, resteremo qui".

S.D.




Commenta con Facebook