• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI GERMANIA-SLOVACCHIA

PAGELLE E TABELLINO DI GERMANIA-SLOVACCHIA

Draxler disputa la sua miglior partita in Nazionale. Gomez ancora decisivo


Gomez ©Getty Images
Stefano Carnevali

26/06/2016 19:50

Ecco le pagelle e il tabellino di GERMANIA-SLOVACCHIA: 

 

GERMANIA 

Neuer 6,5 - Dopo 40’ da spettatore, sfodera una grande parata su Kucka. Sempre sul centrocampista del Milan la sua seconda parate del match in avvio di ripresa. Poco lavoro, ma decisivo. Unico portiere imbattuto di Euro 2016. 

Kimmich 6,5 - Parte molto bene: spinge moltissimo, ma non si fa sorprendere nemmeno quando è Weiss ad attaccare. Si fa sorprendere solo al 40’ da Kucka che, di testa, va vicino al pareggio. Più prudente nella ripresa, ma la missione è compiuta. 

Boateng 7,5 - Difensore più in forma del torneo. Dopo 8’ porta in vantaggio i suoi (primo gol in Nazionale) con un difficile tiro al volo da fuori area, favorito da una deviazione. Si concede anche il lusso di impostare l’azione con autorità. In difesa è sempre attento. Dal 72’ Höwedes 6 - Tutto sotto controllo. 

Hummels 7 - Sempre pulito e sicuro. Partner ideale per lo strabordante Boateng. Sue le chiusure più spettacolari.

Hector 6 - Nei primi minuti è tra i giocatori tedeschi più intraprendenti. Sfonda sempre a sinistra ma sbaglia sempre il cross o il tocco decisivo.

Khedira 6 - È il primo Tedesco a impegnare Kozácik. Però non riesce a ‘farsi sentire’ molto in mediana. Si accontenta di presidiare con sicurezza la propria zona. Dal 76’ Schweinsteiger 6 - Dà ulteriore ordine alla mediana e arriva a una presenza da Klose, il giocaotre più presente nella storia dell’Europeo. 

Kroos 6,5 - Fondamentale. Gli Slovacchi lo controllano a vista ma lui - pur demandando spesso l’impostazione all’ispirato Boateng - non ha paura di prendersi ogni palla che può. Importante anche come schermo difensivo. Vicino al gol al 91'. 

Müller 7 - Parte molto vicino a Gomez, giovandosi della spinta costante di Kimmich, a cui lascia il presidio della fascia. Ha tante occasioni, per quanto ‘non pulite’, ma seguita a ‘litigare con il gol’. Grande generosità anche in fase difensiva. Entra comunque in tutte le azioni migliori dei suoi.

Özil 5,5 - Il peggiore. Troppa sufficienza, come spesso gli capita. Svaria alle spalle di Gomez, scambiandosi spesso con gli altri trequartisti. Viaggia un po’ sotto ritmo e, al 13’, calcia malissimo il rigore del possibile 2-0. L’errore lo scuote un po’ e ci mette maggiore cattiveria. Sfortunato al 24’: il suo bel tiro al volo esce per pochi centimetri. Poi si nasconde ancora molto. Sin qui non un grande Europeo. 

Draxler 7,5 - Il migliore. Rileva il discusso Götze. Gioca un grande primo tempo, in cui cerca sempre la giocata non banale. Al 43’, dopo un numero, serve l’assist vincente a Gomez. Grande gol che vale al 3-0. Miglior partita con la maglia della 'Mannschaft'. Dal 72’ Podolski 6 - Qualche sgroppata delle sue, senza incidere. 

Gomez 7 - Confermato titolare perché troppo utile per la manovra dei suoi. Lotta su tutti i palloni e al 13’ ottiene il rigore per la Germania che Özil spreca. Alla prima assistenza corretta firma il 2-0. Bomber vero.

All: Löw 7,5 - La Germania alza da subito i ritmi e aumenta la cattiveria, soprattutto in fase di non possesso. Il dominio è totale: dopo 8’ è vantaggio e dopo 13’ è solo la sufficienza di Özil a impedire il raddoppio. Colpisce la grande efficacia della manovra offensiva che, senza dare punti di riferimento all’avversario, consente alla squadra di occupare perfettamente il campo. Secondo tempo molto meno arrembante: gara amministrata.

 

SLOVACCHIA

Kozácik 7 - Il migliore. Bella parata al 7’, sul pericoloso colpo di testa di Khedira. Nulla può sul gol di Boateng, subito dopo. Bravo al 13’ quando neutralizza il rigore di Özil. Battuto senza colpe anche da Gomez. Molto bravo anche all'utlimo minuto su Kroos. 

Pekarík 5 - Ha le sue belle difficoltà contro la spinta costante di Hector, che patisce soprattutto in avvio. Con il passare dei minuti va sempre peggio. Unica nota positiva: il cross che porta Kucka vicino al pareggio.

Skrtel 5 - Molto ingenuo in occasione del rigore che concede ai tedeschi: trattenuta leggera ma vistosa su Gomez. Pomeriggio difficile: i Tedeschi arrivano davvero da tutte le parti e lui, per quanto sbrogli più di una situazione complicata, ricorre spesso alle maniere forzi, denunciando tutte le proprie incertezze.Limita i danni nella ripresa e salva su Gomez all’83’. 

Durica 5 - Fatica tantissimo anche lui: la Germania porta numerosissimi giocatori in avanti e frenarli non è davvero facile. Sprofonda in occasione del 2-0 per la Germania, quando Gomez lo ‘porta a scuola’, beffandolo. Impreciso anche in un secondo tempo meno sotto pressione. 

Gyömbér 5 - Fuori posizione, fatica a presidiare la fascia visto che non è certamente un velocista. Dall’84’ Salata SV -.

Hrosovsky 5,5 - Incrocia spesso con Khedira e, pur non sfigurando, perde il confronto. 

Skriniar 5,5 - Schermo davanti alla difesa. Poco efficace per larghi tratti. Sfortunato in occasione del gol di Boateng in cui entra, con una deviazione decisiva. In fase di impostazione è molto limitato, Questo frena non poco la manovra slovacca. 

Hamsik 5- Pomeriggio di sofferenza: ha molte poche occasioni per creare gioco, mentre deve sfiancarsi in fase di recupero. Nel secondo tempo gioca un po’ più avanti: migliora un po’, ma non riesce comunque a essere illuminante. 

Kucka 5,5 - Tanti problemi. Non riesce a incidere in nessuna delle due fasi, soffrendo il posizionamento molto largo. Sua l’unica palla gol slovacca del primo tempo: al 40’ costringe Neuer alla grande parata. Saltato con troppa facilità da Draxler in occasione del 2-0 per la Germania. Migliora un po’ nel secondo tempo.

Weiss 5,5 - Molto generoso in fase di ripiegamento. Non riesce mai a impensierire Kimmich, se non con un guizzo a metà tempo. Dal’ 46’ Gregus 5,5 - Si piazza in mediana cercando di dare maggior equilibrio alla squadra e far avanzare un po’ Hamsik. Così così. 

Duris 5 - Abbandonato in avanti, non la vede mai per 45’. Nella ripresa qualche palla gli arriva anche, ma lui non riesce mai a essere pericoloso. Dal 64’ Sestak 5,5 - Stesse difficoltà del compagno che rileva, ma qualche attenuante in più. 

All. Kozák 4,5  - Squadra copertissima: un centrale sulla fascia sinistra, un mediano che è un difensore, la mezz’ala destra molto difensiva, Kucka sulla trequarti. Difficile anche ripartire perché, a parte Weiss, tutte le ‘frecce’ più rapide (Duda, Mak) sono in panchina. I piani saltano dopo solo 8’, perché la Germania va in vantaggio. Sofferenza e incisività nulla proseguono per tutto il primo tempo e sembra quesi un caso se i Tedeschi non pervengono al raddoppio. Stupisce anche il cambio in avvio di ripresa, con cui toglie Weiss: prova ad avanzare Hamsik, ma non riesce a far crescere la pericolosità dei suoi. 

 

Arbitro: Marciniak 5,5 - Al 13’ concede un rigore ai Tedeschi: Skrtel trattiene Gomez in modo vistoso, più che decisivo. Il penalty ci può stare. Per il resto, primo tempo assolutamente agevole. Al 54’ non vede una deviazione di Hummels su una punizione di Hamsik, ‘rubando’ alla Slovacchia un corner. Al 60’ Draxler, dopo un grande numero tra due avversari, va giù al limite dell’area: un tocco c’è, ma è molto leggero. Giusto lasciar correre. Brutto errore al 67’: il giallo ad Hummels non può esserci perché il difensore tedesco anticipa ‘pulito’ Sestak. Tanti dubbi sul fuorigioco segnalato a Podolski all’81’. 

 

TABELLINO

GERMANIA-SLOVACCHIA 3-0

GERMANIA (4-2-3-1): Neuer; Kimmich, Boateng (72’ Höwedes), Hummels, Hector; Khedira (76’ Schweinsteiger), Kroos; Müller, Özil, Draxler (72’ Podolski); Gomez. All: Löw. A DISP: Mustafi, Emre Can, Tah, Schürrle, ter Stegen, Weigl, Leno, Götze, Sané

SLOVACCHIA (4-3-2-1): Kozácik; Pekarík, Skrtel, Durica, Gyömbér (84’ Salata); Hrosovsky, Skriniar, Hamsik; Kucka, Weiss (46’ Gregus); Duris (64’ Sestak). All: Kozák. A DISP: Pecovsky, Nemec, Mak, Mucha, Svento, Novota, Stoch, Duda, Hubocan.

Arbitro: Marciniak

Marcatori: 8’ Boateng, 43’ Gomez, 62’ Draxler (G)

Ammoniti: 13’ Skrtel, 91' Kucka (S); 46’ Kimmich, 67' Hummels (G)

Espulsi: 

Note: Al 13’ Kozácik para un rigore ad Özil

 




Commenta con Facebook