• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, la rivoluzione parte dall'attacco: ecco tutti gli obiettivi dopo Lapadula

Calciomercato Milan, la rivoluzione parte dall'attacco: ecco tutti gli obiettivi dopo Lapadula

Con un blitz nella giornata di ieri i rossoneri hanno preso l'attaccante del Pescara. Ora Vazquez, Pjaca e Pavoletti. E Brocchi spera...


Adriano Galliani ©Getty Images
Jonathan Terreni

24/06/2016 12:02

CALCIOMERCATO MILAN RIVOLUZIONE ATTACCO LAPADULA VAZQUEZ / MILANO - Eppur si muove. Sembrava stagnante il mercato del Milan, ancora impantanato nelle incerte evoluzioni societarie, in attesa del ritorno alla piena operatività di Silvio Berlusconi. Cinesi o non cinesi i rossoneri stavano lavorando sottotraccia per rinforzare la squadra con il  presidente rossonero che ieri, pur non avendo ancora sciolto i dubbi sul futuro allenatore, ha dato il via libera alla prima vera operazione per il nuovo Milan: l'acquisto di Lapadula. Con un blitz nel tardo pomeriggio Galliani ha battuto la concorrenza di Sassuolo (con la regia della Juve), Genoa e Napoli assicurandosi l'attaccante del Pescara. Dopo l'arrivo di Lapadula il calciomercato del Milan entra nel vivo. E' l'attacco il reparto da cui far partire la rivoluzione. Ora assalto a Vazquez, senza dimenticare Pavoletti, Pjaca e Immobile. Bacca può partire.

IL MERCATO DEL MILAN INIZIA DA LAPADULA

E' Gianluca Lapadula il primo colpo del mercato Milan in vista della prossima stagione. Un'accelerata a sorpresa che ha spiazzato tutti perché l'interesse rossonero sul ragazzo c'era anche se negli ultimi giorni sembrava affievolito, sovrastato da quello di Sassuolo e Napoli. Invece, per volontà del presidente dicono, Galliani ieri ha accelerato trovando l'accordo col Pescara. Per il giocatore poi è stato semplice dire di sì. Lapadula è il primo atto della necessaria rivoluzione tecnica rossonera, al di là di quello che succederà negli uffici di via Aldo Rossi. Lui rappresenta la fame di gol, la fresca italianità, la voglia di esplodere e la spensieratezza di chi ora deve far parlare in campo anche nella massima serie. Nell'ottica rossonera Lapadula può essere il sostituto ideale di Bacca, libero adesso di lasciare Milanello. Galliani chiede almeno 25 milioni per il colombiano e si attende adesso un rilancio del West Ham. Balotelli ha salutato e presto lo farà anche Menez visto che l'agente del francese ha ammesso la volontà di lasciare il Milan. Lapadula è la prima tessera. C'è bisogno di nuove leve là davanti. Gente di spessore, gente da Milan..

VAZQUEZ, PAVOLETTI, PJACA & CO. ECCO GLI ALTI OBIETTIVI IN ATTACCO

Chiuso Lapadula ora il Milan si butta a capofitto su gli altri obiettivi che ha individuato per l'attacco. Su tutti c'è Franco Vazquez. Zamparini, che chiede 25 milioni, ha ammesso l'interesse rossonero ma ancora ballano sette milioni circa per chiudere l'affare. Come vi abbiamo rivelato in esclusiva il Palermo ha puntato diversi difensori e potrebbe apporofittare della cessione di Vazquez per concretizzare le trattative. Dagli ambienti rossoneri intanto trapela fiducia. Altro nome caldo è quello di Marko Pjaca, talentino della Dinamo Zagabria e uno dei migliori giovani di Euro 2016 in luce con la Croazia. Calciomercato.it ha intervistato l'agente del ragazzo, che ha escluso l'esistenza di offerte concrete. Si attende ora una mossa ufficiale, perché il giocatore piace e la concorrenza inizia a farsi folta. Sullo sfondo c'è sempre anche l'ipotesi Pavoletti, sfruttando i buoni rapporti con Preziosi. Sarebbe lui l'ariete ideale da mettere al centro dell'attacco con Lapadula a girare attorno. Si attendono poi sviluppi riguardo alla questione di Immobile, col Siviglia fermo sulla richiesta di 11 milioni e il Napoli in agguato. Il giocatore però dovrebbe ridursi un po' l'ingaggio per facilitare un affondo convinto. Suso sembra destinato a non disfare le valigie e ripartire: piace Jesus Navas come possibile sostituto ma non è a prezzo di saldo

REBUS PANCHINA: BROCCHI O NON BROCCHI?

Christian Brocchi intanto sta vivendo ancora in un limbo. L'estate per lui si profila caldissima visto che ancora non è arrivata nessuna decisione su chi siederà sulla panchina del Milan la prossima stagione. Al momento Brocchi è ancora il tecnico e per questo prova a stare tranquillo. Prova, già, perché lui stesso è consapevole che da un momento all'altro le cose potrebbero cambiare, soprattutto se dovessero esserci stravolgimenti societari. Giampaolo resta alla finestra e la suggestione nuova si chiama de Boer, nome più internazionale. Questa potrebbe essere la settimana decisiva perché se è vero che Lapadula lo ha voluto il presidente, per le altre operazioni servirà anche un parere tecnico dell'allenatore. Così come per il calciomercato anche per la panchina potrebbero esserci brusche virate. Brocchi si tiene ben saldo.




Commenta con Facebook