• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > Italia, quanti limiti con l'Irlanda: contro la Spagna servono gli uomini di Conte

Italia, quanti limiti con l'Irlanda: contro la Spagna servono gli uomini di Conte

La panchina è corta. Contro le 'Furie Rosse' in campo i titolarissimi, molti dei quali animeranno il calciomercato


Gioia Italia ©Getty Images
Martin Sartorio (Twitter: @SartorioMartin)

23/06/2016 15:00

ITALIA OTTAVI DI FINALE SPAGNA CALCIOMERCATO UOMINI AZZURRI CONTE/ ROMA - Si chiude con una sconfitta la fase a girone dell'Italia. Una sconfitta indolore che però ha messo in mostra tutti i limiti della Nazionale di Antonio Conte. Il ct azzurro si aspettava delle risposte dagli uomini schierati contro l'Irlanda, risposte che certamente non sono state positive. Bonucci (schierato nonostante la diffida) e compagni sono stati battuti 1 a 0 dall'Irlanda, che ha strappato così il pass per gli ottavi grazie ad una rete di Brady a cinque minuti dal termine. Per l'Italia adesso testa alla Spagna per gli ottavi di finale di Euro 2016: l'obiettivo è tornare la squadra vista contro il Belgio. E da Giaccherini a Candreva, non manca chi vuole mettersi in luce per il calciomercato.

 

ITALIA - LA PANCHINA E' CORTA: CONTRO LA SPAGNA TORNANO I TITOLARISSIMI

Non ha dormito certamente sogni tranquilli Antonio Conte dopo la sconfitta di ieri contro l'Irlanda. Il ct azzurro si è affidato ad un ampio turnover, schierando tra i titolari dell'ultima sfida contro la Svezia solo Bonucci, Barzagli e Florenzi. L'ex Juventus, al termine del match, se l'è presa con il terreno di gioco. "Il campo ci ha penalizzato" ha affermato Antonio Conte a caldo. Il campo pesante ha certamente favorito la squadra irlandese ma non giustifica la sterilità offensiva degli azzurri. Nel corso del primo tempo l'unico tiro verso i pali di Randolph è arrivato solo nei minuti conclusivi con Ciro Immobile. Nella ripresa la scossa è arrivata solo nell'ultimo quarto d'ora con l'entrata in campo di Lorenzo Insigne, che ha messo i brividi al numero 23 irlandese colpendo un palo e creando altre occasioni. A cinque minuti dalla fine, come detto, è arrivato il gol di Brady che ha battuto un Sirigu, che come i suoi compagni non ha vissuto una grandissima serata. Ora la testa è alla Spagna, dove si rivedranno i giocatori che hanno battuto Belgio e Svezia. La speranza è quella di rivedere in campo anche lo stesso atteggiamento. Una nazionale, che certamente non brilla in qualità, non si può permettersi di staccare la spina durante la partita nemmeno un secondo. Le news Italia positive sono certamente legate alla difesa della Juventus (Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini), tra le più forti di tutto l'Europeo, e al recupero di Candreva. Il laziale, infatti, è uno dei pochi in squadra in grado di saltare l'uomo e di creare quindi superiorità numerica. La Spagna è tra le squadre più forti del mondo ma anche contro la Croazia, brava a colpire in contropiede, ha dimostrato di avere qualche difetto. Gli azzurri dovranno essere bravi, come Perisic e compagni, a sfruttare in pieno le occasioni, che potrebbero non essere molte, che le 'Furie Rosse' concederanno. Solo così si potrà avere la meglio degli uomini di Del Bosque.

UN CAMMINO COMPLICATO VERSO LA FINALE

Essere arrivati primi nel girone a giochi fatti non è stata certamente una buona cosa. Basta dare uno sguardo al tabellone degli ottavi di finale di Euro 2016 per rendersi conto che sarebbe stato meglio chiudere secondi. In caso di passaggio del turno contro la Spagna, gli azzurri potrebbero vedersela prima con la Germania e in semifinale magari con una tra Inghilterra e Francia. Non proprio una passeggiata di salute.

DA CANDREVA A GIACCHERINI: TANTI GLI AZZURRI PRONTI A CAMBIARE MAGLIA DOPO L'EUROPEO

Sono tanti gli azzurri che al termine dell'Europeo potrebbero cambiare maglia. Molti calciatori di Antonio Conte, anche grazie alle buone prestazioni contro Belgio e Svezia, sono finiti nel mirino dei grandi club. Tra i protagonisti del calciomercato estivo c'è certamente Antonio Candreva, per il quale l'Inter è in continuo pressing. Al momento c'è distanza tra la richiesta della Lazio (25 milioni di euro) e l'offerta nerazzurra (16+2 di bonus) ma si continua a trattare. Un altro calciatore che quasi certamente cambierà maglia è Giaccherini, che piace parecchio alla Fiorentina. Non è escluso però che l'ex Bologna voli a Londra per vestire la maglia del Chelsea per volere, proprio, di Antonio Conte. Ciro Immobile e Graziano Pellè, possibili idee per la Juventus, lasceranno le loro rispettive squadre. L'attaccante di Torre Annunziata potrebbe essere un'idea anche per la nuova Lazio di Bielsa. Pellè, invece, alla fine potrebbe raggiungere Koeman all'Everton.




Commenta con Facebook