• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Milan, ESCLUSIVO De Jong: "Amo i rossoneri, spero che Berlusconi cambi la situazione"

Milan, ESCLUSIVO De Jong: "Amo i rossoneri, spero che Berlusconi cambi la situazione"

L'ex centrocampista rossonero intervistato, in esclusiva, da Calciomercato.it


Nigel De Jong © Getty Images
ESCLUSIVO
dal corrispondente da Toronto, Leonardo N. Molinelli

20/06/2016 10:44

MILAN DE JONG MLS BERLUSCONI GALLIANI ESCLUSIVO / TORONTO (Canada) - "La situazione del Milan è un vero peccato, amo il club e la gente che ci lavora. Ero molto amato e io amavo loro. Spero che Berlusconi e Galliani facciano qualcosa per cambiare la situazione e salvare il club". Nigel De Jong non ha dimenticato i suoi tre anni e mezzo in maglia rossonera e non lo nasconde: "Seguo ancora un po’ quello che succede ma ormai è il passato", le parole del centrocampista olandese in esclusiva a Calciomercato.it prima di ammettere il suo disappunto per la situazione del club rossonero. "Il problema principale al Milan? Non lo so, lo avessi saputo avrei fatto di tutto per risolverlo e forse sarei ancora là", dice non senza nostalgia prima di lasciare gli spogliatoi del 'Bmo Field Toronto' dove i suoi Los Angeles Galaxy hanno perso 1-0 contro il Toronto Fc di Sebastian Giovinco. Un'esperienza, quella in Mls, che il Nazionale olandese non rimpiange di aver scelto: "Qui è molto diverso all'Europa - spiega ai nostri microfoni - c'è un'atmosfera diversa e un altro livello di competizione ma per ora mi piace". La stagione non sta andando benissimo ai Galaxy, che al momento sono sesti nella Western Conference con 21 punti in 14 partite e De Jong non si nasconde: "Abbiamo giocato 14 partite finora e ne io ho saltate un paio per infortuni e squalifica. La cosa strana è che finora non abbiamo mai giocato con gli stesi 11 perché c'è sempre qualcuno infortunato o squalificato. A parte questo, è una bella esperienza", ha concluso il centrocampista ai nostri microfoni.




Commenta con Facebook