• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, borsino panchina: chi scende e chi sale

Calciomercato Milan, borsino panchina: chi scende e chi sale

Brocchi sempre in bilico, Emery irraggiungibile, Pellegrini distante, Giampaolo...


Marco Giampaolo ©Getty Images

10/06/2016 07:55

CALCIOMERCATO MILAN SALE GIAMPAOLO / MILANO - Al pari della situazione societaria, la questione relativa alla panchina è, in casa Milan, un rebus ancora tutto da risolvere. Come ricorda 'La Gazzetta dello Sport' oggi in edicola, i tempi per dar risposta alle incognite potrebbero leggermente allungarsi dato che il presidente Berlusconi dovrà concentrarsi sull'operazione al cuore (e successiva riabilitazione) che l'aspetta. Fininvest pare quindi intenzionata a chiedere una proroga al fondo cinese prima di sottoscrivere il contratto che è già in fase di stesura. Ma ai tifosi, si sa, quel che interessa di più son le questioni di campo. Ed il discorso primario, come è logico che sia, è proprio quello della guida tecnica. 

I cinesi, possibili nuovi proprietari del club, avevano pensato ad Emery ormai promesso sposo del PSG; l'alternativa per la panchina del Milan potrebbe essere Pellegrini: come vi ha anticipato Calciomercato.it però, ad oggi non ci sono stati ancora contatti tra i rossoneri e l'ex trainer del Manchester City (nel mirino anche di Southampton ed Everton).

Considerata la situazione attuale, Brocchi che gode della stima del Cavaliere, potrebbe rimanere ma l'opzione che prende più quota è quella che porta il nome di Marco Giampaolo, 48enne ex tecnico dell'Empoli dei record. Giampaolo era stato prima bloccato dai dirigenti rossoneri, per poi essere svincolato, proprio in virtù della situazione di attuale incertezza generale. Il trainer di Bellinzona però, gode della stima di Galliani e ora avrebbe registrato anche quella dei cinesi. 

F.S.




Commenta con Facebook