• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Calciomercato, Lippi: "Tifosi Milan e Inter, tranquilli: i cinesi hanno mezzi per restare ai vertici

Calciomercato, Lippi: "Tifosi Milan e Inter, tranquilli: i cinesi hanno mezzi per restare ai vertici"

L'ex ct della nazionale e allenatore del Guangzhou ha parlato dell'imminente sbarco degli imprenditori asiatici nel calcio italiano


Marcello Lippi (Calciomercato.it)

02/06/2016 10:26

CALCIOMERCATO LIPPI MILAN E INTER CINESI / MILANO La Cina irrompe nel calcio italiano. 'La Gazzetta dello Sport' oggi in edicola, ha intervistato l'ex Ct della Nazionale, Marcello Lippi, che con il Guangzhou ha into 3 scudetti ed una Champions Asiatica, per commentare questo processo di 'colonizzazione': "La scelta di Moratti e di Berlusconi è un atto d’amore nei confronti delle loro squadre del cuore. Per restare ai vertici del calcio mondiale ormai è inevitabile affidarsi alle grandi potenze economiche. Come ha spiegato Berlusconi solo loro possono permettersi di spendere 200-250 milioni l’anno. Poco tempo fa un emissario del gruppo Suning mi aveva proposto di tornare a lavorare in Cina per aiutare la squadra del futuro proprietario dell’Inter a compiere l’ultimo salto di qualità".

DUBBI INFONDATI - "Avverto perplessità per l’ingresso dei grandi ricchi cinesi in Serie A. E non capisco il perché. I tifosi di Inter e Milan non devono essere preoccupati. Arriveranno imprenditori ambiziosi. Che magari si toglieranno lo sfizio di comprarsi un campione che li entusiasma. Con 50 miliardi di dollari come patrimonio se lo possono permettere. Con questi ricchi presidenti asiatici si lavora Benissimo. Non intervengono mai nelle scelte tecniche"

IL LIVELLO DEL CALCIO CINESE - "Il calcio in Cina, per il momento, non è uno sport popolare. Non vedi nessun bambino giocare con un pallone per strada. A Pechino e in ogni altra grande città ci sono invece tavoli di ping-pong in ogni angolo. Ma il sistema calcio sta comunque crescendo. Come si piazzerebbe una squadra di vertice cinese in Serie A? Il mio Guangzhou avrebbe navigato a metà classifica. Ma noi eravamo la Juve della Cina. Non a caso la squadra ha vinto gli ultimi cinque titoli".

F.S.

 




Commenta con Facebook