• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, le prossime tappe della cessione e i costi: Thohir resta presidente

Inter, le prossime tappe della cessione e i costi: Thohir resta presidente

Entro fine giugno la Suning acquisirà il 70% delle quote. Addio definitivo a Moratti


Erick Thohir ©Getty Images
Maurizio Russo

01/06/2016 10:34

INTER CESSIONE THOHIR SUNING MORATTI / MILANO - A meno di tre anni dalla rivoluzione che portò alla storica cessione delle quote di maggioranza dell'Inter da Massimo Moratti ad Erick Thohir, il club nerazzurro sta per cambiare di nuovo proprietario. Il gruppo cinese Suning Commerce, infatti, è vicino all'acquisto del 70% della società meneghina che si concretizzerà entro la fine del mese di giugno. Ma le ultime news Inter riportano che già sabato prossimo i dirigenti della 'Beneamata' potrebbero recarsi a Nanchino per apporre le firme su un accordo che a grandi linee è già stato trovato. Il piano della Suning prevede l'acquisto delle quote in possesso di Moratti (29,5%) che quindi uscirebbe del tutto dal club dopo più di 21 anni, ed un altro 40% circa da Thohir (al tycoon indonesiano rimarrebbe quindi il 30%) al quale è stato tuttavia chiesto di mantenere la carica di presidente, almeno finquando il colosso cinese non acquisirà il 100% delle quote dell'Inter. 

Thohir nel 2013 ha acquistato il 70% dell'Inter versando 75 milioni di euro in conto capitale e poi ne ha prestati altri 108 in più tranche fino allo scorso giugno con un tasso d'interesse tra l'8% ed il 9,5% mai convertito però in conto capitale. Se tre anni fa il l'Inter venne stimata circa 300-350 milioni di euro, compresi i debiti, pare che ora la Suning abbia valutato la società intorno ai 500 milioni, mentre dalla società fanno sapere che la stima è di oltre 700 milioni. I cinesi si accollerebbero a regime debiti per 300 milioni (tra banche e fornitori) e rimborserebbero i 100 prestati dal tycoon di Giacarta. In più verserebbero altri 100 milioni di euro liquidando i rispettivi pacchetti azionari di Moratti e di Thohir. In ogni caso, a ottobre il club nerazzurro avrà bisogno di un aumento di capitale, con il bilancio 2014-15 atteso in perdita per 50 milioni.




Commenta con Facebook