• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Romiti: "I cinesi compreranno il club. Juventus unica italiana invendibile"

Milan, Romiti: "I cinesi compreranno il club. Juventus unica italiana invendibile"

L'ex direttore generale della Fiat è ora alla guida della Fondazione Italia-Cina


Silvio Berlusconi ©Getty Images

17/05/2016 19:55

MILAN ROMITI JUVENTUS CINA / MILANO - "Il Milan sarà ceduto ai cinesi": Cesare Romiti, ex direttore generale della Fiat e presidente attuale della Fondazione Italia-Cina parla a 'Premium Sport' dell'interesse dei gruppi orientali per le società del nostro campionato. 

"Non mi meraviglia, l'attuale presidente della Cina è un tifoso di calcio e la Cina sta attraversando economicamente un periodo che l’Europa ha vissuto tra gli anni '50 e '80, con il calcio come attrattiva dell'opinione pubblica. La Cina vuole diventare la prima potenza economica del mondo e ha capito che avere il supporto del calcio è importante per questo. Sono sicuro che faranno delle acquisizioni in Europa, perché hanno la convinzione che il calcio sia un supporto fondamentale all'economia". 

Romiti continua: "Credo che il Milan sarà venduto non so bene in che percentuale ma il controllo passerà ai cinesi ed è molto probabile che poi si interessino anche ad altre squadre italiane. Nel panorama italiano l'unica squadra invendibile è la Juventus. Le milanesi colmeranno il gap con la Juve grazie ai cinesi? L'Inter e il Milan sono diventati grandi grazie ai loro presidenti, Moratti da una parte e Berlusconi dall'altra. La Juve è diventata grande grazie ad Agnelli ma anche perché è l'unico club italiano che ha una società alle spalle e indipendente dall'andamento sportivo ha dei canoni precisi. La vera forza della Juventus è la società. Cosa direbbe Agnelli della forza della Juve attuale? Noi alla Fiat come azionisti della Juve eravamo abituati alla grandezza dei bianconeri: sta dominando oggi ma è una cosa che faceva anche prima. Io sono nato romanista ma nei 25 anni in cui sono stato a Torino sono diventato juventino: per me la Roma è come la moglie e la Juventus è come l'amante e quando arriva la passione vuoi più bene all'amante che alla moglie". 

B.D.S.




Commenta con Facebook