• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Suarez, la Scarpa d'Oro 2016

I CRAQUE DEL MOMENTO - Suarez, la Scarpa d'Oro 2016

L'attaccante uruguaiano del Barcellona ha trascinato i blaugrana alla conquista della Liga


Luis Suarez ©Getty Images
Maurizio Russo

16/05/2016 12:30

I CRAQUE DEL MOMENTO SUAREZ BARCELLONA / ROMA - Da sei stagioni a questa parte il titolo di 'Pichichi', ossia del capocannoniere del campionato spagnolo, era un affare a due tra Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, che se lo sono aggiudicato tre volte a testa. Ma sulla Liga più emozionante degli ultimi anni, decisasi soltanto negli ultimi 90 minuti, la firma più importante è quella di Luis Suarez. L'attaccante uruguaiano ha siglato la tripletta decisiva per la vittoria finale sul campo del Granada e  con i suoi 40 gol totali ha fatto meglio dei due fenomeni del calcio mondiale, battendo al fotofinish anche il napoletano Higuain nella corsa alla Scarpa d'Oro 2016.

IL DIGIUNO PRIMA DELL'ABBUFFATA - Con le tre reti dell'ultima giornata di campionato Suarez è arrivato a quota 14 gol in 5 partite. Numeri mostruosi che vanno dai poker rifilati a Deportivo La Coruna e Sporting Gijon, passando per la doppietta nel derby con l'Espanyol ed il centro realizzato col Betis. Una striscia impressionante che ha fatto seguito ad un inaspettato digiuno di più di un mese (6 gare, di cui 2 però saltate, ndr) che aveva rimesso in discussione la leadership del 'Pistolero' tra i goleador della Liga. 

RINNOVO E NAZIONALE - Chiusa ufficialmente la stagione con il Barcellona, l'estate di Suarez viaggerà su due binari. Da un lato il calciomercato, con la trattativa per il rinnovo del contratto con il club blaugrana ed il necessario adeguamento dell'ingaggio, visto che l'ex Liverpool guadagna non solo meno di Messi e Neymar, ma anche di Iniesta e Dani Alves. Dall'altro lato c'è la Coppa America del centenario da vivere da protagonista con il suo Uruguay, per tornare decisivo anche con la 'Celeste' come 5 anni fa in Argentina quando alzò il trofeo continentale da capocannoniere del torneo.




Commenta con Facebook