• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Lazio-Fiorentina, Sousa: "Tutti si prendano le proprie responsabilità"

Lazio-Fiorentina, Sousa: "Tutti si prendano le proprie responsabilità"

Le parole del tecnico portoghese alla vigilia della sfida con i biancocelesti


Paulo Sousa ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

14/05/2016 13:28

LAZIO FIORENTINA SOUSA CONFERENZA / FIRENZE - Paulo Sousa parla in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Fiorentina

FORMAZIONE - "Cercherò di usare la formazione migliore, quella che mi dà più garanzie di vincere la partita. Terrò conto anche della formazione. Koné? Può giocare, sta bene. L'unico che non è disponibile è Kuba". 

MILAN-JUVENTUS - "Il risultato di questa partita ci può dare la possibilità di preparare la pre-stagione in maniera più tranquilla, con i tempi giusti per un buon campionato visto che non ci sarebbero i preliminari. Farò il tifo per quelli più forti, sperando che anche questa volta siano i più forti". 

LEZZERINI - "E' un pensiero che ho avuto, ma non è detto che è succede. Abbiamo avuto la possibilità di lavorare e farlo progredire nella sua crescita come calciatore e spero di potergli dare questa possibilità domani". 

RAMMARICO PER ANDATA - "Il grosso rammarico per noi è stato perdere Badelj, un calciatore importante per la nostra idea di gioco. Viviamo di momenti e risultati, quello che non è stato positivo: abbiamo avuto l'opportunità per essere primi e non ci siamo riusciti". 

BADELJ - "Può giocare dal primo minuto". 

PRADE' - "Ognuno di noi ha le sue responsabilità. Chi prende le decisioni deve prendersi le responsabilità. Sulle relazioni umani e professionali, sono stato sempre diretto: con Daniele molto più spesso perché siamo più vicini e quindi c'è stata la possibilità di conoscerci meglio". 

COGNIGNI - "Lui è il referente, lui è la proprietà, è stato molto chiaro: quindi è normale che il suo ruolo è prendersi la responsabilità di scegliere le persone, determinare una strategia e fissare degli obiettivi. Poi tutti noi abbiamo delle responsabilità. Prima non era così presente? Ditemelo voi. A me ha detto che sarà molto più presente. Ognuno ha la sua responsabilità, ma quella massima deve essere della proprietà e lui rappresenta la proprietà: lui è stato molto chiaro su questo punto e mi ha fatto piacere". 

AMBIENTE - "Abbiamo già parlato diverse volte. Credo che i nostri tifosi sono straordinari e questo è una forza in più". 

SQUADRA PIU' ITALIANA - "Credo che i calciatori italiani hanno tutto: mentalità, tatticamente molto avanti rispetto agli altri, tecnicamente ha molta qualità. Se la direzione della proprietà è questa, sono molto contento". 

CAMPIONATO - "Nessuno aveva determinate aspettative su di noi, le abbiamo create noi e da qui il rammarico. Non solo le milanesi, ma secondo me anche la Lazio ha un organico superiore rispetto a quello che ha ottenuto e l'inizio difficile sul piano emozionale ha compromesso la stagione". 

ROGG E PRADE' - "Forse non sono stato bravo a spiegarmi: la proprietà è rappresentata da Cognigni e ha la responsabilità della scelta delle persone, della strategia e degli obiettivi. Sarà sempre lui il mio referente". 

CAMBIAMENTI SOCIETA' - "Cognigni sarà molto presente, prenderà le sue responsabilità, guidando le scelte delle persone e la strategia. Essendo lui in cima della piramide prenderà le sue responsabilità". 

FUTURO - "Sono stato molto chiaro: se qualcuno ha pensato diversamente, bisogna parlare con loro non con me". 

PIANIFICAZIONE - "La mia parte è stata fatta, è stata girata al presidente Cognigni che ha girato le mie necessità all'area tecnica". 

ROMA - "La partita di andata è stata straordinaria con diversi episodi a nostro sfavore. Questa è stata la partita chiave, poi ce ne sono state altre come le due contro il Napoli: con altri risultati, la fiducia sarebbe andata in un'altra direzione". 




Commenta con Facebook