• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Palermo-Verona, ESCLUSIVO Adailton: "Dubbi del Carpi? Guardino in casa loro"

Palermo-Verona, ESCLUSIVO Adailton: "Dubbi del Carpi? Guardino in casa loro"

L'ex attaccante veronese in esclusiva a Calciomercato.it


Adailton © Getty Images
ESCLUSIVO
Giorgio Elia

13/05/2016 16:47

PALERMO-VERONA ESCLUSIVO ADAILTON / PALERMO - La lotta per non retrocedere accende l'ultima giornata di campionato. A contendersi l'ultimo posto per restare nella massima serie Palermo e Carpi, protagoniste di una polemica a distanza tra i dirigenti dei due club. Ai microfoni di Calciomercato.it l'ex attaccante dei veronesi Adailton ha detto la sua sull'esposto alla procura Federale presentato dal club emiliano in vista della sfida tra i rosanero e i gialloblù: "La premessa è che il Verona a mio avviso andrà a fare la sua partita nel pieno rispetto dei suoi tifosi. Detto questo, è chiaro che nel finale di stagione può accadere che una squadra priva di motivazioni possa scendere in campo in maniera diversa, rispetto a chi ha ancora da giocarsi qualcosa. Credo che il Carpi avrebbe dovuto guardare in casa propria, evitando magari di far dipendere la sua permanenza in A all'ultima giornata anche dall'esito di un'altra partita. E' chiaro che il Palermo scenderà in campo con una marcia in più, spinto inoltre dalla grande carica che offrirà il 'Barbera', pieno in loro supporto".

Verona che torna in B dopo un anno ricco di difficoltà...

"Questo verdetto mi ha arrecato un grande dolore. Non mi aspettavo potesse finire così, anche guardando all'organico della squadra. Pensavo che Mandorlini avrebbe potuto prima o poi risollevare una squadra che conosceva ormai da anni, ma quando incappi in una serie di risultati negativi poi è sempre difficile rialzarsi. Adesso spero che quella in B possa essere solo una parentesi di un anno per il Verona".

Lei tra l'altro era stato vicino a indossare il rosanero del Palermo...

"Si è vero. Quando il Palermo era nelle mani di Franco Sensi fui molto vicino al passaggio in rosanero. Poi non se ne fece più nulla, di certo avrei giocato in un club che ha dimostrato tutto il suo valore centrando risultati importanti anche nella gestione Zamparini".

Palermo guidato dalla grande carica di Gilardino...

"Alberto l'ho conosciuto a Verona, quando era ancora un giovane prospetto. Lui è come Toni e ha dimostrato che l'età non conta quando sei mosso da grande voglia e da forti motivazioni. Lui vive per il gol e ha fatto vedere di potere ancora dire la sua in serie A, nonostante non sia più un ragazzino".

Mihajlovic e Juric, protagonisti di due stagioni diverse tra Milan e Crotone...

"Ho conosciuto Sinisa a Bologna nella sua prima esperienza da tecnico dopo essere cresciuto come secondo di Mancini. Ha una grande personalità che prova a trasmettere alla sua squadra, ai suoi giocatori. Pensavo potesse avere più tempo al Milan per lavorare, ma i risultati e forse anche il passato da giocatore dell'Inter non lo hanno favorito. Con Juric ho avuto la possibilità di giocare e non mi sorprende quanto fatto da lui a Crotone. Il suo grande carattere e la scuola Gasperini lo hanno forgiato, aiutandolo nella sua nuova carriera da allenatore".




Commenta con Facebook