• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > IL PUNTO DI CM.IT - Sarri vs Spalletti, ultima curva: tutti i numeri di una sfida entusiasmante!

IL PUNTO DI CM.IT - Sarri vs Spalletti, ultima curva: tutti i numeri di una sfida entusiasmante!

Napoli stra-favorito nella corsa al secondo posto ma le statistiche della Roma...


Sarri e Spalletti © Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

12/05/2016 11:15

PUNTO CMIT CONFRONTO NUMERI SARRI SPALLETTI ROMA NAPOLI CHAMPIONS / NAPOLI - Ultimi 90 minuti di un campionato che è stato entusiasmante e che non ha ancora detto tutto, soprattutto per Napoli e Roma, che si giocano a distanza la possibilità di arrivare dietro la Juventus e di accedere così alla Champions League senza dover passare dai preliminari. Azzurri contro giallorossi significa Sarri contro Spalletti, le due 'novità' più belle di questa stagione visto che Allegri era alla Juve già lo scorso anno. Due allenatori che hanno espresso un gran calcio e l'hanno corroborato con i risultati, ma i freddi numeri possono dirla più lunga di ogni giudizio estetico. Analizziamo nel dettaglio alcune statistiche che la dicono lunga sul livello della sfida più appassionante del nostro campionato. 

LE STATISTICHE DICONO SPALLETTI - Se la classifica è lì e non mente, con il Napoli a +2 e forte di un grande match-point al 'San Paolo' contro il Frosinone, alcune statistiche la dicono lunga sulla 'sgroppata' che hanno portato avanti gli avversari per la seconda piazza. Luciano Spalletti ha cambiato completamente volto alla Roma, questo è fuori discussione. Da quando c'è il tecnico toscano alla guida di Totti e compagni, il parziale è stato davvero impressionante: 42 punti, contro i 35 del Napoli (e i 46 della Juve, ndr), 13 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, 43 gol fatti e 17 subiti. Sarri paga soprattutto la flessione del mese di febbraio, quando il Napoli ha avuto un ruolino parecchio difficoltoso visto anche lo scontro diretto di Torino e la trasferta a Firenze, oltre alla gara col Milan e il doppio scontro di Europa League col Villarreal.
Anche la media-punti è migliore per Spalletti: 2,47 contro i 2,13 del collega. Se in casa sono entrambi imbattuti, negli ultimi mesi il Napoli la differenza (in negativo) l'ha fatta in trasferta: 4 sconfitte esterne contro una sola incassata dalla Roma. In questi numeri ci sono tutti i termini di una rimonta entusiasmante, che ha reso incerta la corsa alla piazza d'onore fino alla fine. Una gara altrimenti impossibile, visto che con Garcia i capitolini erano a -8 e ora sono a -2. Un gap che potrebbe rendere vano il lavoro fatto, in ogni caso. 

MA IL PRONOSTICO E' TUTTO PER IL NAPOLI - Naturalmente sono calcoli che lasciano il tempo che trovano, anche perché non c'è la controprova di un rendimento analogo se Spalletti fosse arrivato a Trigoria fin dalla prima giornata. Il girone di andata di Sarri è stato letteralmente irresistibile e forse neppure la miglior Roma spallettiana avrebbe saputo tenergli testa. Anche in questo caso però, i numeri dicono il contrario. Il filotto 'di ritorno' giallorosso (42) è superiore anche al punteggio (41) con il quale il Napoli si è laureato campione d'inverno. Una serie di cifre che rendono merito ad una spettacolare rimonta, ma che probabilmente non faranno altro che aumentare a dismisura i rimpianti per i tifosi romanisti. La trasferta a Milano ha un coefficiente di difficoltà immensamente più alto rispetto alla gara del Napoli, in casa contro il Frosinone già retrocesso. Mai come in questo caso si può affermare che gli azzurri la seconda posizione possono soltanto perderla, con un suicidio che avrebbe davvero del clamoroso dopo la straordinaria stagione disputata. Ecco, questo è il punto in comune fra le due contendenti: comunque finisca questo testa a testa resterà negli occhi di tutti lo spettacolo di due squadre che hanno vinto e convinto, facendo divertire i propri tifosi e anche quelli neutrali. Una medaglia al merito che per chi ama il bel calcio vale ben più di qualsiasi risultato. 

 




Commenta con Facebook