• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Berlusconi: "Voglio vendere ma in mani sicure e italiane"

Milan, Berlusconi: "Voglio vendere ma in mani sicure e italiane"

Messaggio del presidente rossonero che dà fiducia a Brocchi


Silvio Berlusconi ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

06/05/2016 19:19

MILAN BERLUSCONI CESSIONE BROCCHI / MILANO - Silvio Berlusconi parla del Milan e del futuro della società in un video-messaggio su Facebook: "Un saluto affettuoso ai tifosi del Milan. Io, come tutti voi, ho il Milan nel cuore e soffro quando va male. Forse un po' più di voi, perché per farlo grande ho dovuto investire più di un miliardo di euro; solo nell'ultimo anno 152 milioni. Eppure converrete con me, che non abbiamo mai visto il Milan giocare così male come quest'anno. Per questa ragione ho trovato il coraggio di provare a cambiare nelle ultime partite, con l'obiettivo di arrivare alla finale con la Juventus con qualche speranza in più. E in effetti, mi sembra che nel gioco, qualche miglioramento si sia visto. Avevamo in casa Brocchi, ottimo allenatore della nostra Primavera. Gli ho chiesto un atto di coraggio e lui con coraggio mi ha detto di sì. È una persona seria, conosce bene lo stile Milan, fin da quando giocava nei nostri pulcini. Ha avuto pochissimo giorni per intervenire sui giocatori e per provare dei nuovi schemi di gioco. Poi siamo stati anche sfortunati nelle ultime partite: a Verona, ad esempio, i due gol che abbiamo preso sono arrivati per un rigore e una punizione che assolutamente non c'erano. Lasciamo lavorare Brocchi in serenità fino al 21 maggio, poi ragioneremo in modo approfondito sul da farsi. Ma fatemi dire: dopo 30 anni che abbiamo pasteggiato a champagne e caviale, potremmo anche sopportare con più eleganza un digiuno che sarà sicuramente passeggero. Infine, a chi mi dice che bisogna vendere, rispondo: ci sto provando da un anno, ma vorrei lasciare il Milan in buone mani; in mani che gli garantiscano un futuro da protagonista. Preferibilmente in mani italiane: a questo fine qualsiasi suggerimento è il benvenuto. Un abbraccio al presidente di club che nella storia del calcio mondiale nella storia ha vinto di più". 




Commenta con Facebook