• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Chievo Verona > Roma-Chievo, Pepe: "Ripartito grazie al gol a Szczesny. Il gap con la Juve è mentale"

Roma-Chievo, Pepe: "Ripartito grazie al gol a Szczesny. Il gap con la Juve è mentale"

Il calciatore clivense ha parlato della gara in programma domenica all'Olimpico


Simone Pepe ©Getty Images

06/05/2016 11:20

ROMA-CHIEVO INTERVISTA A SIMONE PEPE SU IL MESSAGGERO / ROMA - L'edizione odierna de 'Il Messaggero' propone una lunga intervista a Simone Pepe in vista della sfida di campionato in programma domenica tra il suo Chievo e la Roma, sua ex squadra.

CHIEVO-ROMA - "Veniamo per fare risultato. Servirà un’impresa, ma ci proveremo. Spalletti ha cambiato totalmente il mondo Roma. Io sono ripartito con il gol a Szczesny contro la Roma. Quasi un segno del destino, anche se i tifosi giallorossi avranno pensato 'Guarda questo che non gioca da due anni c’ha segnato' (ride, n.d.c.)".

TOTTI - "Sono cresciuto nella Roma con il mito di Francesco, ho fatto due ritiri con lui. Mi sorprende chi si stupisce ancora delle sue qualità. La sua media gol di quest'ultimo periodo è come lui: straordinaria. Ho avuto la fortuna di 'vivere' Francesco e di giocare con Del Piero. Parliamo di campioni di classe innata. RInnovo? E' molto bello".

FLORENZI - "E' un leader, il degno erede di Totti e De Rossi visto che sta iniziando ad indossare la fascia da capitano. La duttilità, se la sai sfruttare bene come Alessandro, è un vantaggio".

LA JUVENTUS - "Sì, sono rimasto molto legato ai miei ex compagni della Juventus, abbiamo una chat per sentirci sempre. Hanno raggiunto un altro traguardo straordinario. I tifosi bianconeri mi ricordano con affetto e ciò mi inorgoglisce considerando che sono meno campione di altri. Il gap tra Roma e Juventus è un discorso di mentalità che non si può spiegare, è qualcosa che si trasmette, una componente della società. Vincere diventa la normalità. Avere poi sette-otto giocatori italiani in rosa aiuta: solo noi possiamo spiegare ai calciatori stranieri come si vivono alcune cose".

S.D.




Commenta con Facebook