• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Dybala: "Noi come Massimo Decimo Meridio!"

Juventus, Dybala: "Noi come Massimo Decimo Meridio!"

L'attaccante argentino: "Volevamo lo Scudetto a tutti i costi"


Paulo Dybala ©Getty Images

06/05/2016 09:39

JUVENTUS INTERVISTA A PAULO DYBALA SU GQ ITALIA / TORINO - L'attaccante della Juventus Campione d'Italia 2015/2016 Paulo Dybala ha concesso una lunga intervista a 'Gq Italia', di cui Calciomercato.it vi propone i passaggi salienti sulle ultime news Juventus, dalla rimonta Scudetto all'esultanza con l'amico Pogba fino al gol più bello realizzato con la maglia bianconera e, in generale, nella sua carriera. Queste le parole dell'attaccante argentino classe 1993 ex Palermo, attualmente a quota 16 gol realizzati in questa stagione in Serie A:

RIMONTA JUVE COME UN FILM - "Mi piace molto Il Gladiatore. Come noi, Massimo Decimo Meridio non iniziò bene. Gli ammazzarono la moglie e il figlio. Ma con la sua forza interiore è riuscito a uccidere il Cesare. Era quello che voleva, così come noi volevamo lo scudetto a tutti i costi".

LA DAB DANCE - "È roba di Paul, io gli sono andato dietro. Lui è sempre molto allegro, balla e canta. Un giorno, scherzando, ci siamo detti: 'La prima volta che segneremo entrambi in una partita, esultiamo così'. È successo. E pare che sia piaciuto parecchio".

CITTA' PREFERITE - "Sono innamorato di Roma e Parigi".

I GOL PIU' BELLI - "Con la maglia della Juve dico quello al Sassuolo, perché la palla è andata dove volevo io. Quando riesci a fare esattamente quel che hai in testa, sei contento. In generale, il primo che mi viene in mente è quello dello scorso anno a Palermo contro il Genoa".

STADI E EMOZIONI - "Mi sono emozionato molto nel tornare a Palermo. E poi il San Paolo, perché è lo stadio di Maradona: entrare e sentire la musica che ascoltava lui durante il riscaldamento, mentre si divertiva a palleggiare e a far giochetti, fa un certo effetto a chi come me è argentino e innamorato di Diego".




Commenta con Facebook