• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-FROSINONE

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-FROSINONE

Super Bardi chiude lo specchio al Milan. Dionisi cecchino, Balotelli ancora una delusione


Frosinone ©Getty Images
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso), Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

01/05/2016 17:14

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-FROSINONE

 

MILAN

Donnarumma 5 - Viene sorpreso dal primo tiro in porta del Frosinone, forse non vede la palla partire e dopo un solo minuto viene trafitto da Paganini. Non è sicuramente una delle sue migliori giornate, si lascia sfuggire dalle mani un pallone che poteva essere pericoloso e poi al secondo tiro in porta subito prende nuovamente gol. Kragl lo colpisce con una grande punizione dalla linfa distanza, dove probabilmente poteva fare qualcosa di più. Sulla rete di Dionisi poteva fare poco, San Siro ha visto sicuramente un Donnarumma di un altro livello in altre occasioni. 

Abate 5,5 - Troppo poco propositivo. Non affonda mai e quando ha la possibilità di buttare in area un traversone tergiversa e perde sempre l’attimo giusto. Brocchi lo rimprovera più volte e nel secondo tempo da una sua discesa nasce la rete che accorcia le distanze per poco tempo di Bacca. Esce per infortunio. Dal 75’ Antonelli 6,5 - Sua la rete, di pregevole fattura, che dà nuovamente speranza al Milan. Forse meritava di essere nella formazione titolare. Si prende una bella rivincita siglando un gol dopo pochi secondi dopo il suo ingresso. 

Alex 4,5 - Sfiora la quarta rete di testa, ma Bardi e la traversa gli dicono di no. Se nel primo tempo nonostante il Frosinone abbia trovato due reti, lui non aveva concesso grosse occasioni agli avversari, nella seconda frazione spiana la strada con un liscio clamoroso a Dionisi che non sbaglia. Fatica poi a riprendersi.

Romagnoli 5 - Avvio da brivido, intralciato da De Sciglio, lascia spazio al limite dell’area a Paganini che lo castiga. Non riesce a dare sicurezza e sembra sempre in difficoltà nonostante il Frosinone si faccia vivo con sporadiche discese. 

De Sciglio 5 - La scelta di Brocchi di schierarlo al posto di Antonelli non sembra essere vincente. De Sciglio non trova mai il fondo, non dà mail il suo contributo in fase offensiva, e spesso è in imbarazzo anche quando viene attaccato. 

Kucka 5,5 - Prova a scuotere il Milan, e qualcosa la crea. Impegna Bardi anche se con un tiro centrale e mette in campo un po’ di grinta, ma non basta. Scompare nel secondo tempo, quando i rossoneri avrebbero bisogno della sua forza fisica per cercare di riaprire il match. 

Montolivo 5 - Dovrebbe essere quello che inizia la manovra della squadra di Brocchi, lui viene a prendersi palla dai difensori ma poi non riesce a velocizzare il gioco e ad accendere la luce nel Milan. Troppo nascosto, troppo poco nel vivo della manovra. Nel secondo tempo è complice con Alex della terza rete del Frosinone. 

Mauri 5,5 - Alterna buone idee come quella con la quale libera al tiro Kucka a periodi in cui scompare totalmente dal campo. Non ha giocato molto in questa stagione e a volte sembra essere un po’ spaesato, forse è il minore dei colpevoli del momento negativo del Milan. Dal 78’ Menez 6 - Ha il merito di prendersi la responsabilità di calciare il rigore e di dimostrarsi freddo nel trasformarlo. 

Honda 5 - Prestazione molto altalenante quella del giapponese. Prova a giocare con semplicità, che potrebbe essere anche una buona idea visto il periodo che vive la squadra rossonera, ma da un trequartista ci si aspetta molto di più. Si limita a non far danni, ma in quel ruolo serve molta più personalità. Dal 64’ Luiz Adriano 5 - Non si fa mai trovare e non riesce ad incidere. 

Balotelli 4,5 - Nella prima frazione prova con qualche parabola velenosa a creare qualche problema alla retroguardia di Stellone. Non crea niente di pericoloso e quando ha l’occasione che può riaprire la gara, il calcio di rigore, non riesce a incidere e si fa parare il tiro dal Bardi. Non riesce a rialzare la testa, in parabola discendente. Nel finale la traversa gli nega il gol del clamoroso 4-3. 

Bacca 5,5 - Il Milan, come nel resto della stagione, si appiglia alla sua vena realizzativa. Le occasioni se le crea e va spesso ad impegnare Bardi, poi un po’ per sfortuna e un po’ per imprecisione non riesce a colpire. Gioca con troppo nervosismo e non ha la tranquillità per poter dare il suo apporto. Sigla la rete sull’unico regalo di giornata di Bardi. 

All. Brocchi 5,5 - Milan confuso e anche sfortunato. Nel primo tempo va sotto di due gol per due episodi che dimostrano il cattivo momento della squadra, ma poi nel secondo tempo anziché cercare di riaprire il match la squadra si perde e vive di folate. Non ha la bacchetta magica per risolvere tutti i mali del Milan, ma la squadra sembra un po’ svuotata e in pieno trambusto. Azzeccati i cambi. 

 

FROSINONE

Bardi 7 - Il primo tempo porta sicuramente anche il suo nome, oltre a quello di Paganini e Kragl. Chiude la porta al Milan in almeno quattro occasioni, e la parata su Alex con l’aiuto della traversa è davvero miracolosa. Gioca il suo derby personale alla grande, essendo in prestito dall’Inter e prosegue lo show anche nella ripresa parando un rigore a Balotelli. Peccato per quell’infortunio sul traversone di Abate che rovina leggermente una prestazione davvero superba. Purtroppo non ce la fa a parare anche l’altro tiro dal dischetto, questa volta di Menez. 

M.Ciofani 6 - Concede poco e fa valere la sua forza fisica. Partecipa a un salvataggio provvidenziale nel primo tempo assieme a Gori. 

Russo 5 - E’ lui l’anello debole di giornata della difesa del Frosinone. Prima regala il rigore al Milan allargando il braccio, anche se poi Bardi lo grazia; poi, non sale tenendo in gioco Abate e da lì nasce la rete di Bacca. In confusione. 

Ajeti 6 - Prestazione di sostanza. Non facile resistere alle sortite offensive rossonere soprattutto nel primo tempo. Ci mette cuore e gambe e alla fine fa la sua figura. 

Crivello 5,5 - Ha grinta da vendere, anche se spesso vuole strafare. A volte cerca l’anticipo quando invece gli basterebbe temporeggiare e aspettare il momento opportuno per intervenire. Dal 67’ Pryima 4,5 - Entra per blindare il risultato e combina un guaio regalando il rigore del pareggio ai rossoneri. 

Paganini 7 - Al primo pallone che tocca la butta dentro, colpisce a freddo il Milan ed è una rete importante perché permette al Frosinone di giocare senza doversi per forza esporre. Non si conclude con la rete il suo pomeriggio a San Siro, sempre in movimento, il suo apporto in fatto di corsa non manca di certo. Velenose le sue incursioni. 

Gori  6 - Fondamentale il suo salvataggio nel primo tempo su Bacca. La squadra ha voglia di giocarsi le sue carte per rimanere nella massima Serie A e lui ne è l’esempio lottando fino alla fine per l’obiettivo. 

Sammarco 6,5 - Continua ad essere uno dei punti cardine della formazione di Stellone. Fa sempre la giocata giusta, senza cercare di forzare i passaggi ma giocando con grande intelligenza. 

Kragl 7 - Trova il primo gol in serie A nella Scala del calcio in una giornata fondamentale per la corsa salvezza. Sorprende Donnarumma dalla grande distanza con un gran sinistro. Dopo la rete ruggisce contro Kucka e non tira mai indietro la gamba. Dall’80’ Rosi s.v.

D.Ciofani 5,5 - Gara di grande sacrificio, anche perché il Frosinone si trova in vantaggio alla prima occasione creata. Cerca di fare a sportellate, prova a tenere su palla e nel primo tempo non conclude al meglio l’unica occasione che gli capita. Forse poteva fare qualcosa di più in occasione della rete di Antonelli, dove rimane immobile sulla linea di porta, ma non è parte del suo repertorio. 

Dionisi 6,5 - Primo tempo anonimo, poi alla prima palla che gli capita (su svarione difensivo di Alex), ci si getta come un avvoltoio e non sbaglia riallungando le distanze dal Milan. Un tiro un gol, di più non gli si può chiedere. Dal 75’ Gucher s.v

All.: Stellone 7 - Forse è anche fortunato oggi, ma gli va dato atto del fatto di essere venuto a San Siro a cospetto del Milan a giocarsi le sue chance di rimanere in Serie A e non è cosa da poco. Comunque vada a finire la stagione, lui ha il merito di aver dato carattere ad una squadra che lotterà fino alla fine per rimanere tra le grandi. 

 

Arbitro Massa 6,5 - Assegna due rigori al Milan ed entrambe le decisioni sembrano corrette, visto che prima Russo e poi Pryima allargano il braccio andando a colpire il pallone con la mano. La partita non era semplice, considerato che tutte e due le squadre si giocavano molto: i tanti cartellini utilizzati ne sono la prova, ma il direttore di gara riesce comunque a gestirla nel migliore dei modi azzeccando tutte le decisioni.

 

TABELLINO

MILAN-FROSINONE 3-3

MILAN (4-3-1-2): Donnarumma; Abate (dal 73’ Antonelli), Alex, Romagnoli, De Sciglio; Kucka, Montolivo, Mauri (dal 78’ Menez); Honda (dal 64’ Luiz Adriano); Balotelli, Bacca. A disp.: Lopez, Mexes, Poli, Zapata, Simic, Abbiati, Boateng, Locatelli, Calabria. All. Brocchi

FROSINONE (4-4-2): Bardi; M.Ciofani, Russo, Ajeti, Crivello; Paganini, Gori, Sammarco, Kragl (dall’80’ Rosi); D.Ciofani, Dionisi (dal 73’ Gucher). A disp.: Zappino, Blanchard, Frara, Soddimo, Longo, Tonev, Pavlovic, Rosi, Carlini. All. Stellone

Arbitro: Massa

Marcatori: 2’ Paganini (F), 44’ Kragl (F), 50’ Bacca (M), 54’ Dionisi (F), 74’ Antonelli (M), 91’ rig. Menez (M)

Ammoniti: 10’ Sammarco (F), 19’ Gori (F), 26’ Balotelli (M), 39’ Bardi (F), 45’ Kragl (F), 45’ Kucka (M), 47’ Russo (F), 54’ Dionisi (F), 90’ Pryima (F)

Espulsi: 




Commenta con Facebook