• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Genoa-Roma, Perotti: "In rossoblu sono rinato. Con Spalletti non puoi rilassarti"

Genoa-Roma, Perotti: "In rossoblu sono rinato. Con Spalletti non puoi rilassarti"

Il trequartista argentino ha parlato del suo ritorno a Marassi


Perotti e Dzeko ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

29/04/2016 18:50

GENOA ROMA PEROTTI / ROMA - Partita speciale per Diego Perotti: lunedì la Roma va sul campo del Genoa, squadra nella quale l'argentino è riuscito a imporsi in Italia. In un'intervista per il 'Match Program' giallorosso, il calciatore affronta tutte le varie news Roma di attualità: "Torno a casa, affronto la società che mi ha rilanciato. Ero in un momento delicato della mia carriera e i rossoblu mi hanno aiutato molto. Sarà emozionante tornare lì, affronteremo una squadra molto forte in casa che dà il 110% quando sfidano una grande. Ci sono tanti calciatori bravi, forse Ansaldi e Rincon sono un gradino sopra gli altri e poi c'è Pavoletti". 

Perotti racconta il suo trasferimento alla Roma nel calciomercato estivo: "Sono arrivato l'ultimo giorno, ormai credevo che la trattativa fosse saltata. La chiamata dei giallorossi era una occasione molto importante, un passo da non fallire. Magari non mi aspettavo di disputare così tante partite, non avrei mai immaginato di giocarle tutte tranne una: sono contento di aver aiutato la squadra e del momento che stiamo vivendo". 

Un momento che potrebbe portare i capitolini al secondo posto: "Il Napoli ha ancora due punti e non dipende solo da noi: noi dobbiamo fare nove punti e loro devono perdere qualcosa per la strada". 

Si parla poi dei due allenatori, Gasperini e Spalletti: "Gasperini è stato come un padre. Mi ha dato fiducia, mi ha fatto tornare nel calcio, soprattutto ho vinto la mancanza di fiducia nei miei mezzi. Arrivare a Genova è stata per me la svolta, la mia carriera era quasi finita, lì sono rinato grazie a loro. Spalletti è un tecnico molto esigente con il quale non puoi non allenarti al massimo, non ti puoi rilassare mai". 




Commenta con Facebook