• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Video > VIDEO - Calcio, i migliori VIDEOGIOCHI di sempre: Microprose Soccer

VIDEO - Calcio, i migliori VIDEOGIOCHI di sempre: Microprose Soccer

Ecco la nuova rubrica di Calciomercato.it che ripercorre la storia dei giochi virtuali più amati


Microprose Soccer
Jonathan Terreni

28/04/2016 13:24

CALCIO MIGLIORI VIDEOGIOCHI DI SEMPRE MICROPROSE SOCCER / ROMA - Chi non ha mai giocato ad un videogame di calcio, scagli la prima pietra. Campionati sul divano, tornei con gli amici, partite a gettoni nel bar: ecco la nuova rubrica di Calciomercato.it che ripercorre la storia dei migliori videogiochi a tema calcistico. Dagli albori informatici fino ai giorni nostri. In questo primo episodio: Microprose Soccer.

MICROPROSE SOCCER
Sviluppo: Sensible Soccer
Grafica: John Hare
Anno: 1988
Modalità: Singolo, multiplayer
Supporto: Floppy disk
Piattaforme: Commodor64, Amiga, MS-DOS, ATARI ST, Spectrum ZX, Amstrad CPC

Vogliamo partire dalla preistoria dei videogame calcistici. Oggi siamo abituati a mostri sacri come FIFA o come Pro Evolution, di cui parleremo nei prossimi episodi, e che animano la nostra competizione calcistica virtuale. Ma qual è il vero precursore del football virtual gaming? Dobbiamo tornare indietro al 1988 quando ancora si viaggiava sugli 8 bit: minor grafica certo, ma scrolling pulito. Roba ormai da Medioevo informatico. Il bello però (per i più nostalgici, si intenda) era proprio quello: la lentezza del processore, la grafica spartana ed essenziale soprattutto nel texting, la giocabilità semplice e frenetica con una levetta ed un solo tasto su cui fare più o meno pressione in base all'azione voluta. John Hare e la Sensible Software, (che darà il là alla saga Sensible Soccer) sviluppa Microprose Soccer che, assieme a Emily Hughes International Soccer, sarà la base di tutti i giochi che oggi troviamo sulle nostre console moderne. Facciamo una precisazione. Questi giochi hanno alle spalle la vera pietra miliare del genere; quell'International Soccer datato 1983 e considerato il primo 'vero' videogioco completo di calcio di sempre per computer. NASL Soccer della Mattel Electronics infatti, uscito nel 1973, era ancora troppo embrionale a causa dell'impossibilità tecnica di visualizzare un'immagine bidimensionale pre-elaborata. Dopo questo breve excursus storico torniamo al nostro Microprose Soccer e alle caratteristiche che lo hanno reso un gioco immortale.

'BANANA SHOT' E TEMPO DINAMICO - Microprose Soccer introdusse una novità molto apprezzata al tempo, ovvero la possibilità di scegliere un particolare effetto da attribuire al tiro dei giocati su tre livelli. La visuale dall'alto offriva tuttavia una buona profondità per un gioco di ventotto anni fa. L'altra grande novità fu quella del tempo dinamico. Si poteva scegliere di cambiare in corso di partita le condizioni meteorologiche. Il tutto non solamente pensato per la parte grafica ma anche per la giocabilità. Un improvviso temporale infatti poteva influire sul gameplay, nel controllo di palla ad esempio o nelle scivolate dei calciatori. Altro grande dettaglio apprezzatissimo la possibilità di scegliere la versione indoor sei contro sei, sponde incluse. Inghilterra, Brasile, Argentina e Italia le squadre più forti, che potevano scontrarsi in amichevoli, campionati o nei gironi di Messico '86 ma modificabili. La Coppa Internazionale partiva con la sfida all'Oman, la Nazionale più debole, fino ad arrivare al Brasile. La chicca? Il replay con riavvolgimento nastro in bianco e nero.




Commenta con Facebook