• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, dall'allenatore ai top player: le prospettive con la nuova proprietà

Calciomercato Milan, dall'allenatore ai top player: le prospettive con la nuova proprietà

Da Lippi a Emery, da Ibrahimovic a Witsel e Candreva: come potrebbe cambiare la squadra con la dirigenza cinese


Galliani © Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

27/04/2016 12:49

CALCIOMERCATO MILAN CESSIONE BERLUSCONI ROBIN LI / MILANO - Se in campionato la situazione diventa sempre più drammatica, con la squadra umiliata anche dal Verona con il rischio di saltare un altro anno di coppe europee, ai piani alti qualcosa si muove, anzi più di qualcosa. Il Milan si avvia a diventare 'cinese', in un percorso che potrebbe portare alla cessione del club in tempi brevi, con ovvie ripercussioni anche sul calciomercato. La trattativa fra Silvio Berlusconi e la cordata che fa capo a Robin Li prosegue sottotraccia, intanto si continua a lavorare per una rivoluzione che, milioni o non milioni, sembra sempre più scontata. Da Lippi al sogno Ibrahimovic, da Montella-Sousa all'obiettivo Witsel, facciamo il punto sulla situazione del Milan fra presente e futuro. 

 

LA POSSIBILE CESSIONE DEL MILAN A ROBIN LI E I POTENZIALI SVILUPPI DI MERCATO

La notizia delle ultime settimane, diventata sempre più d'attualità negli ultimi giorni, è che Berlusconi è pronto a passare la mano, stavolta (pare) definitivamente, in un affare che cambierà sensibilmente le disponibilità economiche del club con prevedibili ripercussioni anche sul calciomercato Milan. La cordata orientale guidata da Robin Li, definito il sesto uomo più ricco e potente della Cina, ha formulato un'offerta concreta per acquisire il 70% delle azioni del club, con la prospettiva di acquisire il restante 30% il prossimo anno o comunque nel corso dei prossimi anni. I dettagli della trattativa - tratteggiata dal 'Corriere dello Sport' - per il momento non sono chiarissimi, ma si sa che il gruppo cinese dovrebbe prelevare la quota societaria con un investimento sui 700 milioni di euro. Naturalmente, come detto, gli scenari di mercato e di crescita cambierebbero radicalmente, e lì diventerebbe possibile anche trattenere i gioielli attualmente scontenti. Carlos Bacca ha chiesto di andar via per tentare un'avventura più ambiziosa, ma con l'arrivo di nuovi capitali non è detto che l'avventura più ambiziosa non possa essere proprio il nuovo Milan cinese. 

 

IL MILAN 'CINESE' E LE PROSPETTIVE PER IL NUOVO ALLENATORE

Primo obiettivo qualora l'affare si chiudesse entro fine stagione: la scelta del nuovo allenatore. Christian Brocchi è un uomo dell'attuale società, una scelta personale del presidente Berlusconi che quindi con la nuova dirigenza avrebbe meno possibilità di guidare la squadra il prossimo anno, con probabile ritorno sulla panchina della Primavera. Del resto, complici anche i risultati non entusiasmanti, anche adesso Brocchi ha una possibilità su tre di restare in sella, con sviluppi invece tutti da scoprire. Il nuovo progetto potrebbe ripartire da Marcello Lippi, più volte tentato da Galliani, mentre per ora resta più defilato Eusebio Di Francesco (che ha poco rinnovato il contratto col Sassuolo fino al 2019), 'flirt' degli ultimi mesi. Attualmente è impossibile teorizzare qualche pista estera 'deluxe' - come ad esempio Unai Emery - mentre non è da escludere una soluzione 'viola': Paulo Sousa e Vincenzo Montella sono infatti fra i favoriti per la panchina del Milan del prossimo anno. Di certo sarebbe difficile per tutti rifiutare, anche perché sicuramente non si porrebbe più un problema di obiettivi, visto che con una dirigenza così facoltosa tutto è possibile. 

 

IL NUOVO CORSO DEL MILAN E LE POSSIBILI RICONFERME DEI TOP PLAYER

E così, prima ancora che pensare ai nuovi acquisti, sarà importante tenere il punto sui calciatori da riconfermare. Il nuovo progetto del Milan non può che ripartire da Donnarumma, Romagnoli e Bacca, tra i pochi a salvarsi quest'anno. Se per i due giovani si tratterà soltanto di dire "no" alle offerte che pioveranno, un po' diverso è il discorso per il colombiano, per il quale va fatto un lavoro diplomatico più raffinato. Poi si penserà agli acquisti, con il sogno Ibrahimovic e un'attenzione particolare alla mediana. Fra acquisti e cessioni il centrocampo del Milan rischia di essere un vero porto di mare, con soprattutto Witsel nel mirino. Gli altri obiettivi, giovani, promettenti e già esperti di Serie A come De Roon e Baselli, potrebbero venir buoni come rincalzi di una mediana che sarebbe imperniata comunque su grandi firme. Una di queste potrebbe essere Antonio Candreva: il talento della Lazio è corteggiato da mezza serie A, ma fra queste squadre c'è sicuramente anche il Milan. A patto di chiudere presto la trattativa per la cessione, altrimenti la situazione potrebbe complicarsi più del 'caso Bee'. 

 




Commenta con Facebook