• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-UDINESE

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-UDINESE

Icardi rifinisce, Jovetic concretizza, prima gioia per Eder. Thereau bello ma non basta


Stevan Jovetic ©Getty Images
Davide Ritacco

23/04/2016 22:47

ECCO LE PAGELLE DI INTER-UDINESE

 

INTER

Handanovic 6,5 – Thereau lo fredda dopo appena 9’ con una giocata magnifica sulla quale può farci poco. Ad inizio ripresa la traversa lo salva su un tiro di Fernandes e poi su un sinistro angolato di Edenilson in contropiede. A tempo scaduto, parata super su Zapata.

Nagatomo 6 – Il lancio sbagliato che spezza i nerazzurri è il peccato originale da cui scaturisce il vantaggio friulano. Paradossalmente va meglio quando viene spostato a sinistra.

Miranda 6 – Non benissimo in occasione del gol dell’Udinese. Non si accorge del taglio di Thereau che va in rete. Reclama un rigore per una spallata di Zapata col quale ingaggia un bel duello.  

Murillo 5,5 – Parte malissimo facendosi sfuggire Thereau in occasione del gol e fa fatica a controllare anche il connazionale Zapata. Non una grande partita.  

J. Jesus 6,5 – Si francobolla a Widmer e lo limita molta. Col passare dei minuti prende fiducia e prova anche sortita offensiva. Deve lasciare il campo per problemi fisici. Dal 65’ Perisic 6,5 – Entra a freddo e ci mette un po’ prima di trovare la giusta posizione in campo. Una volta acceso il motore conferma il suo buon periodo di forma.    

Brozovic 7 – Il suo istinto lo porta ad accentrarsi con giocate diagonali piuttosto che andare sul fondo. E’ comunque tra i più propositivi dell’Inter.   

Felipe Melo 6 – Sempre un po’ troppo laborioso col pallone fra i piedi. Molto meglio quando c’è da recuperare palloni e fare da schermo difensivo.

Kondogbia 6 – Alcune buone idee con giocate verticali interessanti ma ha ancora qualche limite di personalità. Insomma deve prendere in mano il centrocampo dell’Inter.

Biabiany 6,5 – Le difficoltà iniziali sulla sinistra svaniscono quando viene sposta a destra che è la sua posizione ideale. Punta poche volte il fondo ma quando lo fa manda in rete Jovetic e lo fa fungendo da esterno basso. Dal 84’ D’Ambrosio s.v.   

Icardi 7 – Il capitano e simbolo nerazzurro in questo finale di stagione ci sta mettendo quel qualcosa in più che tutti, Mancini in primis, gli chiedevano. Grazie al suo ottimo lavoro da attaccante vero è arrivato il gol del pareggio. Dal 79’ Eder 6 - Ha pochi minuti a disposizione per mettersi in mostra. In pieno recupero, segna il primo gol in maglia nerazzurra.

Jovetic 7 – Un girone dopo torna al gol. L’ultima rete in stagione era arrivata proprio al Friuli nella gara di andata. Gran parte del merito del primo gol è di Icardi come Biabiany per il secondo ma il montenegrino è in evidente crescita di condizione dopo il lungo stop.    

All. Mancini 6 – Inspiegabilmente lascia Perisic in panchina e parte con un 4-4-2 che vede Biabiany a sinistra e Brozovic a destra. Entrambi a disagio, entrambi fuori dal gioco. Si ricrede dopo il gol subìto e inverte gli esterni e la sua Inter migliora. Dopo aver saputo rimediare ai suoi errori ci mette del suo spostando Biabiany terzino e inserendo Perisic.

 

UDINESE

Karnezis 5,5 – Nel primo tempo non viene chiamato molto in causa però viene superato da Jovetic a porta sguarnita. Ad inizio ripresa la pressione dell’Inter si fa più intensa e lui si supera su Brozovic ma sul secondo gol di Jovetic poteva e doveva fare di più.  

Wague 5,5 – Quando viene puntato da Icardi va in difficoltà. Bravo nelle palle alte e nelle chiusure ma è impreciso tatticamente e si fa portare a spasso dagli avanti di Mancini.  

Danilo 5,5 – Si fa sfuggire alle spalle Jovetic in occasione del primo gol e anche sul secondo poteva fare di più. Peccato perché non stava giocando una brutta gara.

Felipe 5,5 – Il mini ex nerazzurro parte bene controllando con facilità un Inter confusionaria. Nella ripresa incontra qualche difficoltà in più facendo più fatica a chiudere. Dal 81’ Matos s.v.

Widmer 5 – Buon avvio sia nel primo che nel secondo quando sfiora il gol anticipato dalla sua ombra J.Jesus. che lo limita molto. Sparisce dal match col passare dei minuti.  

Badu 6 – Bellissimo il lancio che Thereau trasforma in rete con una magia. Il buon primo tempo però lascia spazio ad una ripresa più timida e impacciata.

Kuzmanovic 5,5 – L’ex di turno non impressiona. Gestisce il traffico in mezzo al campo ma non appena l’Inter accelera va in affanno.   

B. Fernandes 5 – Si fa notare ‘solo’ per la traversa abbastanza fortunosa che per poco non riporta in vantaggio l’Udinese. Ha incontrato troppo difficoltà a giocare fra le linee ed è stato scarsamente propositivo negli inserimenti. Dal 85’ Halfredsson s.v.

Edenilson 6 – Il duello con Nagatomo lo vede stravincente nel primo tempo. Poi però cala la sua condizione fisica e rallenta ma sfiora il gol del potenziale 2-1. Dal 76’ Pasquale s.v.

Zapata 6 – Lotta come un leone testimoniando come in questo finale di stagione ha voglia di mettersi in mostra. Di pericoli veri alla porta di Handanovic non ne porta ma è un peso massimo difficile da affrontare per Murillo e Miranda.

Thereau 6,5 – Segna un gol magnifico con un coefficiente di difficoltà altissimo. Si guadagna la palma del migliore dei suoi per questo e per il contributo offensivo fatto di qualità e sostanza.   

All. De Canio 5,5 – La sua squadra dopo la vittoria contro la Fiorentina gioca con spensieratezza e si vede dal gol di Thereau. I tre impegni in una settimana però si fanno sentire e per una squadra non abituata a giocare così frequentemente si fa molto dura. E’ la sua prima sconfitta ma il suo lavoro non viene messo in discussione.   

 

Arbitro: Celi 5,5 – Sono due gli episodi sulla quale l’Inter richiede calcio di rigore. La prima è una trattenuta di Wague su Icardi ma è l’argentino ha lasciarsi cadere. Il secondo è Zapata che atterra Miranda: scontro al limite potevano starci gli estremi per decretare il tiro dal dischetto. Altri dubbi per un fallo di mano di Badu anche se la distanza è molto ravvicinata.  

 

TABELLINO

INTER-UDINESE 3-1

Inter (4-4-2): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Murillo, J. Jesus (dal 65’ Perisic); Brozovic, Felipe Melo, Kondogbia, Biabiany (dal 85’ D’Ambrosio); Icardi (dal 79’ Eder), Jovetic. A disp.: Carrrizo, Berni, Santon, Telles, Gnoukouri, Ljajic, Manaj, Palacio. All.: Mancini

Udinese (3-5-2): Karnezis; Wague, Danilo, Felipe (dal 81’ Matos); Widmer, Badu, Kuzmanovic, B. Fernandes (dal 85’ Halfredsson), Edenilson (dal 76’ Pasquale); Zapata, Thereau. A disp.: Meret, Domizzi, Perica, Dos Santos, Lodi, Iniguez, Hertaux, Piris, Balic. All.: De Canio

Arbitro: Celi di Bari

Marcatori: 9’ Thereau (U) 36’, 75’ Jovetic (I), 95’ Eder (I)

Ammoniti: 30’ Jovetic (I), 61’ Danilo (U), 65’ Kondogbia (I), 82’ Perisic (I), 86’ Zapata (U)

Espulsi: -




Commenta con Facebook